Benvenuti in questo spazio dedicato alle armi da fuoco, il bello delle passioni è quello di poterle condividere e questo spazio si propone esattamente questo, nel tentativo di creare un luogo dove incontrarsi e confrontarsi. E se siete arrivati fin qui è perchè state facendo qualche ricerca sulle armi, quindi provate a chiedere, se posso dare una risposta ai vostri quesiti sarò ben lieto, nel mio piccolo, di farlo. Ovviamente per quesiti legislativi è preferibile che vi rivolgiate al Dott. Edoardo Mori, che non conosco personalmente, ma dal filtro creato dalla sua presenza online, un mito!

A seguire trovate un po’ di armi che conosco, mentre nella home trovate di volta in volta foto, impressioni, ed altre info su alcune armi in cui mi capita di incappare.

LUNGHE DA CACCIA
Sovrapposto calibro 12, Beretta, modello S56E
Sovrapposto, cal. 12, Franchi, modello Alcione
Fucile semiautom., cal. 12, Franchi, mod. Prestige
Fucile semiautom. a pompa, cal. 12, Stevens
Fucile manuale, cal. 8×50, Mannlicher-Steyr, mod. M95
Fucile manuale, cal. 303 Br, Enfield, mod. Sporter
Carabina semiautomatica, cal. 44M, Ruger, mod. 44
Doppietta cani esterni, cal 32, Bayard
Doppietta cani esterni, cal. 12, Raick Fréres
Doppietta cani esterni, cal. 12, monobloc belga
Doppietta cani esterni, cal. 20, Damas Bernard
Doppietta hammerless, cal 12, Baikal
Doppietta cani esterni, cal 12, Stanley Arms&C
Doppietta hammerless, cal 12, Herstal
Fucile monocanna, cal. 24, Beretta, mod. 412
Fucile monocanna, cal. 16, Zanoletti
Fucile monocanna, cal. 16, rolling block, artigianale
Fucile monocanna, cal. 32, artigianale
Doppietta cani esterni, avancarica, cal. 12, artigianale
Monocanna artigianale ad avancarica, cal. 12
Canna per doppietta avancarica, cal.16, Bodeo&Carrara

LUNGHE EX ORDINANZA

Fucile manuale, cal. 8×50, Mannlicher-Steyr, mod. M95
Fucile manuale, cal. 303 Br, Enfield

LUNGHE NON DA CACCIA
Carabina semiaut., cal. 22 LR, Franchi, mod. Centenial
Carabina semiaut., cal. 22 LR, Remington, mod. Nylon 77
Carabina semiaut., cal. 22 LR, Weatherby, Mark XXII
Carabina, cal. 4,5, Diana, mod. 35
Carabina semiaut., cal. 22 LR, Marlin, modello 60

CORTE
Revolver, cal. 38S, Franchi Llama, mod. 190
Pistola semiaut., cal. 7.65, Astra, mod. Falcon 4000
Pistola semiautomatica, cal. 22/6.35/7.65, Heckler&Kock, mod. HK4
Pistola semiautomatica, cal. 7.65 , Beretta, mod. 70
Pistola semiaut., cal. 9 c, Beretta, mod. 34 Regio Esercito
Pistola semiaut., cal. 7.65, Beretta, mod. 35
Pistola semiaut., cal. 6.35, Beretta, mod. 19
Pistola semiaut., cal. 6.35, Beretta, mod. 20 DA
Pistola semiaut., cal. 7.63, Mauser, mod. C-96
Pistola semiaut., cal. 22, Stoeger, mod. Luger P08Pistola semiautomatica, cal. 22, Ruger, mod. MK I
Revolver, cal. 22 LR/22 M, Jager, mod. Frontier
Revolver, cal. 44M, Jager, mod. S. Frontier

ANTICHE ED ANTECATALOGO
Revolver artigianale 5 colpi, cal. 38, New model 1880
Revolver artigianale 5 colpi, cal. 32, New model 1880
Revolver 6 colpi, cal. 32, British Constabulary
Revolver 5 colpi, cal. 38, Smith&Wesson New model 1880
Revolver 6 colpi, cal. 32, Colt, modello New Police1884
Doppietta ad avancarica, cani esterni, cal. 24, Hinrique Laport & C.
Fucile ad avancarica monocanna, cani esterni, cal. 32, G. Laport & C.
Revolver due canne, modello Derringer
Revolver quattro canne, modello Derringer
Revolver a spillo, Webley
Revolver a spillo, Bodeo
Revolver artigianale 6 colpi, cal. 32
Revolver artigianale 5 colpi, cal. 8
Pistola semiaut., cal. 9, Beretta, mod. 34 Regio Esercito
Pistola semiaut., cal. 8, marca Roh-Steyr, mod. 1907
Pistola semiaut., cal. 7.65, Astra, mod. 300
Revolver avancarica 6 colpi, cal. 44, mod. 1860

Roth-Steyr 1907Mauser C96Stoeger Luger P08

Un po’ di dettagli

Mosin Nagant 91/30, perfetto, monomatricola, completo di cinghia, giberna, ingrassatore ed attrezzi per lo smontaggio, tutti originali dell’epoca (1938/1940). Si tratta di un pezzo dell’arsenale di Tula facente parte dell’ultima importazione Bignami e ritirato in armeria a Battipaglia :-)) [Un pezzo similare ho avuto il piacere di farlo recuperare anche ad un nuovo e caro amico, Giuseppe Maradei]

Doppietta hammerless da tiro, cal. 12, marca Thirifays, modello Super1000, del 1928; il fucile utilizzato dai tiratori italiani alle Olimpiadi del ’24 a Parigi, la famosa olimpiade del barone De Coubertin, quello de “l’importante è partecipare”, giusto per capirsi! Si tratta di uno strepitoso giustapposto [pare uscito or ora dalla fabbrica!] con rimesse in oro su cartelle, bindella e sulla chiave, ma per questo vi allego qualche foto e una breve analisi dei punzoni (in francese)

Thirifay cal. 12Bindella e chiave di aperturathirifays.jpg

Il s’agit d’un fusil de chasse à 2 canons lisses et juxtaposés de calibre 12.
Les platines sont de type hammerless et clé d’ouverture « top lever ».

L’arme porte de fines gravures florales en bouquet et des incrustations d’or fin représentant, un oiseau (perdrix ou faisan ?) en vol ainsi qu’une couronne. Les coquilles sont gravées de feuilles de houx.
La crosse « à l’anglaise » est en bois de noyer.
Le nom de l’armurier est également incrusté à l’or fin des deux côtés des platines.
Il s’agit de F.THIRIFAYS A LIEGE.
Le « Qui est Qui de l’Armurerie Liégeoise » nous donne les informations suivantes :
THIRIFAYS & Cie rue Vivegnis, 190 à Liège sont inscrit au banc d’épreuves de Liège de 1902 à 1906. Ils sont titulaire de deux brevets pour une tringle de sûreté et un mécanisme de bascule de fusil de chasse.
De 1906 à 1913 THIRIFAYS François travaille seul puis de 1913 à 1914 s’associe avec THIRIFAYS Frédéric.
Après la grande guerre, THIRIFAYS François reprend ses activités armurières de 1926 à 1937, rue des Célestines, 11 à LIEGE.
THIRIFAYS Charles poursuit les activités de 1937 à 1948.

L’arme porte les poinçons du banc d’épreuves de Liège, soit :
ELG étoilé dans un ovale couronné : acceptation post 1893.
P étoilé : contremarque du contrôleur post 1877.
PV surmonté d’un lion stylisé : épreuve à la poudre sans fumée, en usage de 1898 à 1968.
12-70 dans un oméga couché : calibre nominal et longueur de la douille, en usage de 1924 à nos jours
1951 : Numéro de série.
1 Kg 421 : poids du canon pouvant tirer de la poudre sans fumée (armes lisses) au gramme près. En usage de 1924 à nos jours.
EL en lettres cursives : épreuve provisoire, en usage de 1852 à nos jours.

Choke 18.4 – 18.3 : canons chokés : calibre à 22 cm de la culasse, en usage de 1924 à 1968.
ACIER COMPRIME : type d’acier utilisé pour les canons.
“g” en lettre minuscule : lettre annale correspondant à 1928 (Année de fabrication de l’arme)
Autre marque
Les lettres JF couronnées appartiennent à Jean FALLA, fabricant de canons

Pistolone antico a retrocarica [quello del Passatore!], due canne lisce e cani esterni a percussione centrale in cal. 28, di fattura belga. Tenete conto che questo tipo di pistola permette una forza di fuoco a munizionamento spezzato da fermare un gruppo di persone in corsa! Anche di questa una analisi più approfondita (in francese)

Retrocarica cal 28pistolaaperta.jpgtotalepistola.jpg

Il s’agit d’un pistolet « à l’écossaise » à deux canons juxtaposés et à brisure, ouverture par clé de type Lefaucheux. La platine est enfermée dans le système à coffre et les deux chiens sont extérieurs. La double détente est sous pontet à repose doigt.
La crosse à palmette et à calotte métallique « diamant » est de type « renaissance ».
Ce type d’arme a été fabriqué en de très nombreux exemplaires à Liège dans le dernier quart du 19e siècle jusqu’aux environs de 1914. Elle était notamment destinée à l’exportation vers l’Amérique du Sud.

Elle porte les poinçons du banc d’épreuves de Liège, soit :
ELG étoilé dans un ovale couronné : acceptation post 1893.
AF étoilés : contremarque du contrôleur post 1877.
Perron : inspection post 1853.
EL en lettres cursives : épreuve provisoire, en usage de 1852 à nos jours.
28 C dans un losange sur pointe : calibre, en usage de 1898 à 1924.
14.0 : calibre en mm correspondant au calibre 28
L’arme porte également les associations de lettres VP et AG frappées sur la carcasse, il s’agit très vraisemblablement de marques de sous-traitants inconnus, ceux-ci n’ayant jamais été répertoriés.
Comme cela était souvent le cas le fabricant-commetant, n’a frappé aucune marque sur l’arme destinée aux comptoirs armuriers d’Amérique du Sud. (Voir page de catalogue ARP &C° en annexe)

ENFIELD
Le foto che seguono servono all’identificazione dell’Enfield in mio possesso, le pubblico in questo spazio per dar modo di scaricarle a Pietro che purtroppo non le ha ricevute via mail:

enfieldtotale.jpgenfieldpunzoni3.jpgenfieldpunzoni2.jpgenfieldpunzoni1.jpgenfieldotturatore.jpg

cliccandoci sopra si aprono in un’altra pagina

Raick Freres, un giustapposto dei primi del novecento, in calibro 12, con rimesse in oro su canne e bindella, completamente originale.

totali.jpgsmontata.jpgcamerascoppio.jpgcartellasx.jpgchiusura.jpgrimesse2.jpgrimesse1.jpgestrattore.jpgculatta.jpg

248 Risposte to “Bang”

  1. michele I. Says:

    ciao, io possiedo un Franchi prestige cal 12.
    mi piacerebbe avere il manuale d’uso potresti procurarmelo?
    anticipatamente ringrazio
    NB mi interessano solo fotocopie….

  2. francesco Says:

    salve dove posso trovare varie spiegazione per questa pistola Astra mod. 4000 Falcon

  3. Luciano Says:

    A breve ti pubblico qualche foto, appena ho il tempo di scattarle;
    parliamo di una semiautomatica spagnola in cal. 7.65, monofilare,molto simile alla più blasonata 300 che ha però il cane interno e che h afatto la guerra di Spagna. Si tratta di una pistola prodotta intorno agli anni 70 dalla caratteristica “canna tonda”, abbastanza particolare, o ti piace o la la scarti senza mezzi termini. Oggi diremmo un prodotto consumer!

  4. lorenzo Says:

    Ciao io possiedo una Diana mod.35 e vorrei sapere le informazioni più dettagliate possibili su questa carabina,come potenza, gittata,velocità del pellet,etc ma non ce ne sono molte,se potessi aiutarmi te ne sarei molto grato.
    Molte grazie

  5. claudio Says:

    Vorrei gentilmente sapere il valore approssimativo di un fucile Franchi Prestige cal. 12.
    Grazie.

    1. Luca Says:

      Vorrei notizie su un revolver del 1913 con percussore a spillo e caricamento laterale . Valutazione e amatori interessati. Grazie a presto

  6. saverio Says:

    ciao ho ricevuto in eredita’ da mio padre una doppietta cal.12 a cani esterni marca Damas fin ,marca dorata incisa sulle canne ,a detta di mia madre il fucile ha piu’ di cento anni.potrsti darmi una quotazione se e’ possibile?grazie

  7. Luciano Says:

    Ciao
    una quotazione di un’arma ha bisogno di una valutazione dello stato d’uso
    e di una corretta identificazione del produttore,
    e si tratta sempre e comunque di una stima collezionistica;

    ti consiglio, per capire quanto possa essere il valore reale di mercato,
    di farla visionare ad almeno un paio di armerie della tua zona, poi non ti resta che fare una media.

    Dal canto mio posso dirti che se mi fai avere delle foto, nella sua interezza e nei particolari dei punzoni,
    oltre che ad una più dettagliata descrizione (lunghezza canne, peso, eventuali strozzature, etc),
    posso darti una mano per una identificazione più corretta.

    Al momento posso dirti che dovrebbe trattarsi di un’arma di fattura belga le cui canne sono damascate,
    del tipo fine, la cui produzione si aggira fra la seconda metà dell’800 e gli anni Venti.

    Fammi avere le foto e potrò essere maggiormente preciso.

  8. Riccardo Says:

    Anch’io posseggo una doppietta ad avancarica e cani esterni con su scritto in lettere dorate Damas Bernard Manufacture royale
    Appena sai qualcosa di mi piacerebbe saperlo anche a me……..grazie

  9. Paolo Says:

    ciao
    pure io posseggo una damas bernard avancarica cani esterni nessuna scritta dorata ha solo la scritta damas bernard sopra le canne, so che apparteneva a mio nonno che gliela regalo un conte non so altro. sevuoi ti posso mandare foto dettagliate. era una curiosità per sapere quanto puo valere. risp anche qui zio.casta@hotmail.i

  10. MAURO Says:

    POSSIEDO UNA DOPPIETTA A CANNE PARALLELE, CANI ESTERNI :
    SPECIAL POUR POUDRES BLANCHES.
    NON CONOSCO NULLA DI QUEST’ARMA E NON NE CONOSCO NEPPURE L’EVENTUALE VALORE E/O VALUTAZIONE.
    CHI GENTILMENTE PUO DARMI CHIARIMENTI???
    GRAZIE
    MAURO

  11. Luciano Says:

    Salve
    la dicitura in francese che lei ha riportato è relativa alle prove di bancatura
    effettuate con polveri bianche e ritengo possa trattarsi un’arma di fattura belga,
    se mi manda delle foto, anche dei punzoni presenti sulla bascula e sulle canne,
    cercherò di essere più preciso.
    Saluti

  12. Peppe Says:

    salve caro luciano vorrei chiedervi un’informazione,che differenza passa fra un colpo calibro 32 e nu colpo calibro 7.65?
    il colpo 7.65 calza a pennello nel tamburo della 32,però non è lungo per quanto è il tamburo.potrei spararlo?
    grazie per la tua disponibilità
    rispondi al più presto!

    1. Luciano Says:

      Salve, per intanto capisco che si tratta di un revolver e pertanto per .32 si esprime il calibro in misura anglosassone [poichè esiste anche un calibro 32 per arma liscia, e nella mia collezione fa bella figura una strepitosa doppietta Bayard in tale calibro, e spero prossimamente di pubblicare qualche sua foto], mentre nel caso del 7,65 indichiamo il calibro con il sistema metrico, il che equivale a dire che abbiamo lo stesso diametro ma varia la lunghezza del bossolo e relativa ogiva. Quando parliamo per esempio di una Beretta modello 35 in calibro 7,65 parliamo di un 7,65 Browning, che misura 7,9×17 contro i 7,9×20 di un 7,65 Lang.
      Quindi per ritornare al suo caso abbiamo un diametro eguale ma una diversa dimensione del bossolo [tenga conto che quanto ho detto per il 7,65 vale anche per il .32 in termini di variazioni di dimensioni] che quindi potrà più o meno tranquillamente essere camerato laddove alloggia, il che significa che una camera di scoppio più lunga può ricevere un bossolo di pari diamentro ma più corto, il risultato sarà un tiro meno preciso; ma le implicazioni su cui ragionare sono altre, ovvero la sicurezza e l’incolumità del tiratore: se il revolver è abbastanza vecchio, come credo, non è consigliabile usarlo con un munizionamente moderno che avrà un potenziale di carica sicuramente maggiore.
      Se vuole usare questo revolver, con buona pace per il risparmio, invece di spendere per acquistare i facilmente reperibili 7,65 dovrà armarsi, è il caso (!), di un po’ di pazienza ed ordinare dei calibro .32

  13. Tigellino Says:

    Preg.mo sig. Luciano, potrebbe cortesemente indicarmi un link dove trovare lo spaccato con le descrizioni delle singole parti della pistola marca Astra 7,65 per ausilio nello smontaggio e manutenzione? Cordiali saluti, Tigellino.

  14. Luciano Says:

    Salve
    via mail le ho spedito quanto al momento disponibile nel mio archivio.

  15. ernesto Says:

    o comperato una doppietta con cani esterni cal.16 si legge fabbriche armi belgio nell’apertura del fucile riporta quattro cavalieri mediovali con sotto inciso f.a.l
    vorrei sapere che anno risale e il valoro

    1. Luciano Says:

      J. Ancion&figli, Joseph Tolet&Cie, fondendosi hanno creato la Fabrique d’Armes de Liège e registrato il marchio con quattro cavalieri medioevale su un solo cavallo con l’acronimo “FAL” il 23 novembre 1905

  16. Luciano Says:

    Salve
    ritengo che, avendola acquistata, abbia già dato lei un valore commerciale,
    per capire meglio il tipo di arma bisognerebbe avere delle foto d’insieme e dei particolari dei punzoni.
    Cordialmente

  17. LucianoG Says:

    Caro Luciano,
    complimenti per il suo sito. Vorrei avere delle informazioni sulla Carabina Ruger modello Deerstalker Calibro 44 Magnum che ho appena acquistato.
    Grazie per l’attenzione,
    saluti
    LucianoG

    1. Luciano Says:

      Salve,
      in estrema sintesi le posso dire che la Deerstalker, che ha poi cambiato il nome in .44 Carbine,
      di cui si è iniziata la produzione del 1959, è stata la prima carabina semiautomatica prodotta da Ruger in calibro 44M,
      in un periodo in cui imperavano le bolt action. Quindi capirà come un’arma semiautomatica di quella compattezza e quel calibro
      non abbia avuto difficoltà ad affermarsi sul mercato, oltre ovviamente alla qualità costruttiva propria della Ruger.
      Nel 1964 è le è stata affiancata il modello in calibro 22, la 10/22; La 44 Carbine, oltre 250000 esemplari prodotti, è ormai fuori produzione.
      Su Armi e Tiro n° 1/91 può trovare più in dettaglio quanto di suo interesse.
      Le aggiungo soltanto che, in America, la Deerstalker il cui seriale è compreso fra 1 e 5000,
      è considerata rara e quindi se ne autorizza la detenzione collezionistica.

  18. filippo Says:

    ciao, vorrei sapere il valore, se possibile di una beretta 7, 65 tutta in metallo, della seconda guerra mondiale e di una doppietta con cani esterni del della metà del novecento; non è scritta nessuna marca sul fucile, solo delle decorazioni

  19. filippo Says:

    nell’apertura del fucile si vede uno scudetto la scritta PSF FINITO 2721.

  20. Luciano Says:

    Ciao
    per delle quotazioni bisogna sempre visionare l’arma,
    ma credo sia più semplice rivolgersi a qualche armiere
    della propria zona facendo finta di volerle vendere.

  21. Luciano Says:

    Quello che vedi è un punzone del banco di prova, italiano in questo caso.

  22. Tigellino Says:

    Anzitutto grazie per l’esploso. La pistola di mio padre è una Astra 4000, quindi da lei conosciuta molto bene. A questo punto approfitterei ancora della sua estrema cortesia e le chiederei il pdf del libretto di manutenzione. Ecco un link dove un collezionista possiede la versione cromata e col calcio in madreperla. Utile la personalizzazione del calcio, poichè quello in plastica è un po’ “precisino” e tende a bloccare il pulsante di rilascio caqricatore (basta allentare le viti, lubrificare e ristringerle): http://www.ilmondodellearmi.com/armi/alto-collezionismo/ex-ordinanza/astra-4000-cal-7-65-browning
    Grazie mille e a presto!!!

  23. domenico Says:

    Salve.Ho una Stoeger American Eagle monomatricola.Mi sà dire le quotazioni dell’arma?La ringrazio

  24. Luciano Says:

    Ciao, per come ho già scritto in precedenza,
    per delle quotazioni bisogna sempre visionare l’arma,
    ma credo sia più semplice rivolgersi a qualche armiere
    della propria zona facendo finta di volerle vendere.

  25. CESCO Says:

    Salve Luciano,mio papa’ e’ in possesso di un fucile con cani esterni DAMAS BERNARI(questa e’ la scritta che ho letto sulle canne)ti diro’ e’ vecchissimo,era di mio nonno,che poi ha lasciato a mio padre.allo stesso manca il pezzo di legno,quello con cui quando miri reggi il fucile. sapresti dirmi dove si puo’ trovare il pezzo, o eventualmente farlo fare da chi se ne intende, ed eventualmente il valore dello stesso?grazie anticipatamente.

  26. Luciano Says:

    Salve Cesco,
    la parte mancante è quella chiamata “asta o astina” che oltre a sorreggere l’arma fa da blocco per le canne in fase di sparo ed ha,
    incassato nel legno, la parte metallica con il tenone di chiusura e gli estrattori, in questo caso ritengo l’estrattore manuale.

    Come avrà letto sul mio blog, la dicitura che lei riporta, nello specifico con un errore di battitura, ritengo,
    è legata al tipo di fattura delle canne, il che non specifica chi effettivamente sia l’artigiano o la fabbrica che lo ha prodotto:
    questo preambolo per dirle che non è facile far rifare integralmente un pezzo, legni e ferri, mancante e di cui esistono infinite varianti.

    Credo personalmente che la realizzazione del succitato pezzo, che è sicuramente fattibile da qualche artigiano valtrumpino,
    superi di gran lunga il valore effettivo dell’arma, a meno che non si riesca ad identificarla come un pezzo di estremo valore,
    a tal proposito per saperne di più sarebbe necessario visionare i punzoni presenti sull’arma, sulle canne e sulla bascula;
    se mi manda qualche foto posso provare a darle un aiuto in più.
    Cordialmente

  27. daniele Says:

    ciao luciano vorrei sapere il prezzo di una doppietta cani esterni del 1932 pietro beretta monoblocco beretta, sulla bascula è incisa una stella potresti aiutarmi, grazie anticipatamente.

    1. Luciano Says:

      Dovrebbe trattarsi del modello Vittoria;
      ho indicato più volte le metodologie per definire la quotazione di un’arma,
      vi prego quindi di leggere con attenzione quanto scritto in precedenza per evitare di dover ripetere più volte le stesse cose.
      Grazie per aver visitato il mio blog

  28. Nicola Says:

    Caro Sig.Luciano posseggo una Carabina semiaut., cal. 22 LR, Marlin, modello 60. purtroppo non riesco a trovare il suo libretto di manutenzione. potrebbe aiutarmi? la ringrazio anticipatamente.
    Cordiali Saluti.

    1. Luciano Says:

      Le invio tutto via mail.
      Saluti

  29. Walter Says:

    Vorrei sapere se esistono dei siti internet ove poter verificare la quotazione di alcune armi, anche se in maniera approssimativa considerato che poi va verificata l’arma nel suo insieme, lo stato d’uso e conservazione e via discorrendo…
    Grazie mille

    1. Luciano Says:

      L’unica strada a mio avviso perseguibile, ma che inevitabilmente sposta il tiro su armi fini o comunqu edi un certo pregio, è quella di seguire le aste: in questo modo si verifica che prezzo raggiunge un tipo di arma.
      Per tutte le altre non resta che verificare presso le armerie ed uniformarsi prescindendo dal valore affettivo o supposto su basi di altro genere

  30. Tigellino Says:

    Sarebbe mica possibile (se esagero, so che verrò “sparato”) avere anche lesploso del revolver compatto trident Renato Gamba .38 special con canna da 2 pollici? Credo sia stato costruito nel 1976, ma sul sito Renato Gamba purtroppo non hanno un catalogo della loro produzione storica ed ho trovato poche notizie su questo bel revolver, al contrario del SAB match, suo fratello maggiore.

  31. francesco Says:

    cerco pezzi di ricambio per carabina Remington cal. 22 mod. nylon 77

  32. Tigellino Says:

    Desidero segnalare agli appassionati di ricarica questo link che mostra le fattispecie delle singole polveri, con particolare riferimento a forma e dimensioni dei grani delle polveri senza fumo attualmente in commercio; infatti come si evince dalla lettura di vari testi, anche forma, dimensioni e trattamenti superficiali dei grani delle polveri entrano in gioco nella balistica interna e sono determinanti nello sviluppo della pressione e della progressività della deflagrazione sia all’interno della cartuccia che in camera di cartuccia. http://www.armiestrumenti.com/blog/

  33. lorenzo durso Says:

    vorrei sapere quando pu valere un fucile sabatti cal 12 con cani esterni e del 1952

    1. Luciano Says:

      Salve, ho indicato più volte le metodologie per definire la quotazione di un’arma,
      vi prego quindi di leggere con attenzione quanto scritto in precedenza per evitare di dover ripetere più volte le stesse cose.
      Grazie per aver visitato il mio blog

  34. RENZO Says:

    HO UNA DOPPIETTA BAYARD ORIGINAL DIANA CAL 12 CANI ESTERNI OTTIMO STATO CHE HO IN CASA DA CIRCA 70 ANNI
    MI INTERESSEREBBE UNA VALUTAZIONE
    GRAZIE

    1. Luciano Says:

      Salve, ho indicato più volte le metodologie per definire la quotazione di un’arma,
      vi prego quindi di leggere con attenzione quanto scritto in precedenza per evitare di dover ripetere più volte le stesse cose.
      Grazie per aver visitato il mio blog

  35. antonio Says:

    Salve avrei bisogno di un consiglio se non è troppo disturbo,mi piacerebbe acquistare una doppietta a cani esterni in cal.16 non di lusso ma di discreta fattura in poche parole cosa o che marche devo cercare?

    ringrazio Antonio

    1. Luciano Says:

      Dipende dal budget che si intende spendere, si potrebbe pensare ad una tradizionale Beretta Vittoria….
      Saluti

  36. Davide Says:

    Ciao Luciano, facendo restrutturazioni in casa, abbiamo rinvenuto un pezzo di antiquariato, credo si tratti di una doppietta dei primi del ’900 nn ne sn sicuro per un semplice motivo, le canne sn mancanti e il calcio, dalla metà in giù, sembra stato segato, in più manca il cane dalla parte di destra, volevo sapere se hai tempo di dare un occhiata alle foto che ti manderò in seguito, sarei curioso di avere maggiori informazioni sul tipo di arma.

  37. Stefano Petrignani Says:

    Salve. Sono venuto in possesso di una bellissima carabinetta fabbricata molti anni fa col binomio Weatherby-Beretta mark XXII in calibro .22, che oltre la sua mesta eleganza, mi appaga anche nella precisione. Ho cercato dappertutto, ma invano, il manualetto che accompagnava sicuramente l’arma. Ringrazierei moltissimo chi fosse in grado di darmi alcune indicazioni sul suo reperimento o al limite anche un’esploso dell’arma. Grazie in anticipo.

  38. violante Says:

    Ciao,avrei bisogno di sapere il valore commerciale di un arma renato gamba modello trident 38 sp ct 1886.
    grazie mille

    1. Luciano Says:

      Ciao, ho già detto molte volte in qs blog quali siano le modalità per quotare un’arma, personalmente non rilascio quotazioni se non visionando l’arma per un mio diretto acquisto.
      Saluti

  39. Graziano Says:

    Buongiorno Luciano,

    approfitto della Sua disponibilità per chiederle se possibile, un aiuto e un Suo parere.

    Un mio caro amico è entrato in possesso di un vecchio fucile, e voleva sapere notizie soprattutto al riguardo della casa costruttrice ed eventualmente se questo modello può considerarsi con un qualche valore o no.

    La storia di questo fucile è un po’ particolare.

    Siamo ad Asiago (VI) durante la Seconda Guerra Mondiale.

    In un noto albergo del centro, sede del comando delle truppe italiane, alcune guardie del corpo del Duce si intrattengono per festeggiare.

    Quando arriva il conto però, questi non hanno i soldi a sufficienza per saldare le consumazioni, così il proprietario dell’albergo trattiene come pagamento questo fucile, che apparteneva ad uno di questi militari.

    Il fucile poi è stato usato, ma non molto, per la caccia in altopiano fino alla morte del proprietario, che poi lo lascia al figlio il quale non utilizzandolo, decide di venderlo a questo mio amico appassionato.

    E’ stato accuratamente pulito e sottoposto a brunitura delle canne, lasciandole damascate, come in origine.

    Tutti i componenti sono marchiati.

    La lunghezza complessiva del fucile è di cm.117 mentre le canne misurano cm.75.

    E’ perfettamente funzionante.

    Ho caricato delle immagini al seguente indirizzo:
    http://www.meneguzzo.net/areapartner/antico/fucile.html

    La ringrazio.

  40. adriano Says:

    salve,
    possiedo una vecchia carabina (credo ex ordinanza CC) di mio padre. Mi pare che sulla canna ci sia scritto JAGER mod. NP(o RP) cal 22 LR. ma non trovo molti riferimenti su internet. il metallo presenta punti di ruggine, che posso farci per conservarla meglio?

  41. filippo Says:

    salve sono in possesso di una doppietta cani esterni forse cal.20 o 16 non ne ho idea pesa 2,8 kg e nel calcio c’è inciso un cervo mentre nella parte iniziale superiore della canna c’è scritto damas turc sarei grato se fosse in grado di darmi qualche informazione su questo fucile. Grazie!!

    1. Luciano Says:

      Magari avere qualche foto?

  42. mauro Says:

    valuto la vendita di una bellissima doppietta beretta “hammerless” del 53 calibro 12 (mod P.4II E) peso 3.210 canne cromate intarsio finemente lavorato ottime condizioni…grazie

  43. aleo Says:

    Chiedo se posso mandarti delle foto di una pistola 6 colpi canna lunga

  44. Andrea Says:

    Anche io ho una doppietta calibro 16 che, sulle canne, ha “istoriato” il nome: Damas Turc. – I punzoni sembrano provenire dal Belgio (una PB sormontata da una corona) e, di fianco a quest’ultimi, appaiono le scritte: P SCHULTZE ACN POUF BALLE. Aggiungo che l’arma è regolarmente denunciata. Quanto può valere?

    1. giovanni Says:

      salve anche io ne ho una che corrisponde alla tua descrizione precisa e sto per restaurarla, se sei a conoscenza di un po di cose mi potresti far sapere ? non so l anno nemmeno la scritta pouf balle

  45. Daniela Says:

    Buongiorno,
    chiedo a lei un consiglio in quanto stiamo valutando se acquistare o meno delle armi in seguito al decesso del proprietario.
    Non essendo intenditori volevamo rivolgerci a una persona esperta in materia e sono arrivata subito al suo sito.
    Le due armi sulle quali siamo indecisi sono rispettivamente una Beretta mod. s56e monogrillo tenuta abbastanza bene (pecca leggermente il calcio che non è più lucido…) e una Beretta che dai documenti riporta Beretta mod. Vittoria 32 monoblocco.
    Come ho premesso non sono certo un’intenditrice di armi per cui mi scuso anticipatamente se ho commesso qualche errore nella descrizione dei fucili.
    Sarei molto grata se potesse dirmi di più su queste armi.
    Sono a disposizione per qualsiasi chiarimento.
    Grazie anticipatamente.
    Daniela

    1. Luciano Says:

      Salve
      l’S56 E è un sovrapposto da caccia prodotto in calibro 12 e in calibro 20 a cavallo fra gli anni 70 ed 80 (grossomodo),
      è un’arma che nasceva bigrillo, quindi probabilmente è stata modificata in seguito,
      i legni erano finiti ad olio, quindi da un bravo falegname si ritorna allo stato del nuovo,
      facendo attenzione a non rovinare lo zigrino.
      Poichè la sua richiesta è tesa ad avere una quotazione le dico quanto ho ripetuto più volte on line:
      senza visionare un’arma non è possibile quotarla;
      posso dirle che in base allo stato d’uso può andare da 200€ fino al migliaio
      e che pur essendo un’arma di qualità non è sicuramente un pezzo raro.
      La Vittoria è invece un giustapposto o doppietta, a cani esterni, bigrillo, anch’essa arma da caccia
      abbastanza comune, sicuramente più anziana del sovrapposto (potrebbe essere anche degli anni 20)
      e anche in questo caso vale lo stato d’uso, tenendo conto che essendo un calibro piccolo
      può spuntare qualcosa in più, in termini di valutazione, rispetto al più comune cal 12
      (in primavera ne ho regalata una ad un amico, in cal. 12)
      Non sono sicuramente armi paragonabili ad Imperiali Montecarlo o similari
      con quotazioni sopr al adecina di migliaia di € se è questo che voleva sapere.

      Cordialmente

      1. Daniela Says:

        La ringrazio tanto per la disponibilità dimostrata. Non intendevo certo chiederle una quotazione in quanto, come da lei più volte scritto, non si può dare un valore preciso ad un arma se non dopo una descrizione accurata o previa visione della stessa.
        Cercherò di segiure, quando mi è possibile, il suo blog. E’ veramente ben fatto e ricco di informazioni.
        Buona giornata.

  46. Alberto Poppi Says:

    Gentile sig.Mastrascusa,
    mi scuso se la disturbo ma avrei bisogno di una informazione. Dove posso trovare un manuale per smontare e rimontare la mia pistola Marca Jager mod frontier canna lunga Flobert?

    La ringrazio dell’eventuale aiuto.
    Cordialòi saluti.
    Alberto Poppi

    1. Luciano Says:

      Salve, nessun disturbo, sennò non starei qui sul web :-))
      Poichè la Jager di cui parla è una replica della Colt Frontier, revolver in singola azione, e prescindendo dal calibro (nel suo caso un Flobert di cui però non specifica altro, forse un 6?!) la meccanica è quasi eguale all’originale, spero di farle cosa gradita mettendole a disposizione il manuale integrale della Colt, ovviamente una copia in pdf, ove troverà tutto quanto di suo interesse.
      Cerchi nel post, in home page, titolato Colt Frontier&Cloni.
      Saluti

    2. angelo bambini Says:

      salve è intenzionato a vendere la sua jager?

      1. Luciano Says:

        Salve,
        la ringrazio per l’interesse ma non è in vendita.
        Qualora dovessi ripensarci sarà mia cura contattarla.
        Saluti

  47. Luigi Says:

    Salve, ho letto che cercava pezzi di ricambio per una carabina remingto nylon 77, anche io avrei bisogno di un caricatore, sa per caso dove posso trovarlo?
    grazie buona serata

    1. Luciano Says:

      Il mercato americano, on line ovviamente, offre molte possibilità d’acquisto di ricambi, bisogna perderci un po’ di tempo e con pochi € si porta a casa quanto serve.
      Se trovo qualche link glielo pubblico.

  48. Luigi Says:

    Salve,ho ricevuto in eredita un vecchio fucile cal.16 con cani esterni e chiave di apertura canne posta sotto,a canna lunga ,l,armiere ha detto che si tratta di modello artigianale di produzione belga che va dal 1915 al 1920,l,arma e perfettamente conservata,pari al nuovo, gradirei sapere il valore,visto che la devo cedere e avendo avuto gia’altre offerte non riesco a orientarmi.Grazie

    1. Luciano Says:

      Ho scritto molte volte in merito alle quotazioni di un’arma, e sebbene repetita iuvant, non intendo ripetermi;
      per quanto riguarda l’arma invece bisogna visonarla, anche con degli scatti fotografici, per poterla datare e saperne di più.
      Saluti

  49. Fabrizio Says:

    Gentilissimo e sempre disponibile sig.Luciano ho due quesiti da proporle: 1. Ho ereditato da mio nonno una doppietta cal.12 cani esterni con scritto nella bindella Original Diana con stemma di uomo con arco, sulle canne è impresso acier Bayard pour poures vives Herstal Belgio, di quest’arma non so nulla 2.Dovrei acquistare una carabina cal.22 marca jager ap-80 tipo AK47. Mi puoi aiutare se hai materiale al riguardo dei due quesiti e se posso eventualmente mandarti delle foto. Grazie della tua cortesia

    1. Luciano Says:

      Mi faccia avere delle foto, specialmente dei dettagli dei punzoni, e una descrizione più dettagliata dell’arma (peso delle canne, lunghezza,…)

  50. PAOLO FRANCESCHI Says:

    Gentilissimo e sempre disponibile sig. Luciano, saprebbe per favore indicarmi dove poter reperire il cane di una mauser c96 neue sichereit: uno sconsiderato lo ha limato per alleggerire il grilletto, con il risultato che l’arma adesso sovente spara da sola non appena si rilascia l’otturatore.
    Grazie mille.

    1. Luciano Says:

      Salve, sicuramente dal punto di vista economico sarebbe interessante acquistare on-line su alcuni siti americani, ma ritengo che nel suo caso, poichè dovrà anche far smontarare e rimontare la Mauser, con il rischio di trovare anche qualche altro meccanismo “alleggerito”, è forse il caso di rivolgersi all’armeria Giancarlo Lugli che mi risulta essere la più fornita per il suo caso specifico.
      http://www.armerialugli.it/

      Saluti

      1. PAOLO FRANCESCHI Says:

        Grazie.

  51. luca Says:

    salve a tutti , io sono un giovane appassionato di armi che stà facendo la scuola per armaioli a Gardone val trompia , io sono in procinto di acquistare una vecchia doppietta a cani esterni con la chiave di apertura sottostanete , mi chiedevo se uno di voi otesse fornirmi indirizzi o spiegazioni su queste doppiette dei primi del novecento e sui loro sistemi di chiusura dato che mi vorrei cimentare nella sua restaurazione volevo prima conoscerne gli aspetti tecnologici che a mio parere sono decisamente differenti dalle moderne armi da caccia .
    purtroppo non sono in grado di fornire la marca il modello e quan’altro , posso solo dire che è in calibro sedici canne brunite cani esterni con emccanismo delle batterie a molla in dietro forse di tipologia ” a rosetta” , i legni sono in stato mediocre ma non da buttare , la chiusura a un pò di gioco quindi è soggetta a movimenti abbastanza preoccupanti , i percussori sono da sostituire e i cani da rivedere e in tal caso dare una aggiustatina pure a quelli anche se a mio aprere sono in buono stato , le canne tuttavia non riesco a capire se sono state fabbricate con tecnica a torcione ( ma dato che sono brunite dubito che siano a trocione ) , ma prorpio su questo punto volevo chiedere una cosa , se le canne fossero in acciaio damasco possono essere sostituite o ritubate in qualche modo per poter sparare in sicurezza ?
    il costo dell’acquisto è di 50 euro quindi non mi sembra un costo esagerato, ma calcolando che dovrò spenderci almeno 500 euro solo per la questone delle canne mi chiedevo se ne valesse la pena di restaurare un fucile che poi non sono sicuro che potrà essere utilizzato a caccia .
    comunque invito chi ha conoscenze sul campo tecnologico di armi con questa tipologia di chiusura di dirmi tutto ciò che può essere utile sapere per poter eseguire una restaurazione decente , o fornirmi materiale dove si illustra il funzionamento delle chiusure con quest sistema di chiave sottostanete .
    spero in una vostra risposta grazie per la cortese attenzione spero che possiate aiutare un giovane armaiolo .

    1. Luigi Says:

      Ciao Luca come esperienza sono impreparato,anche io posseggo un cal.16 simile al tuo,fortunatamente il mio e tutto originale e funzionante in tutto,(comunque per la caccia non viene usato ormai da quasi 30 anni sporadicamente ci faccio qualche tiro per ricordare i bei tempi)le origini sono artigianali belga ,il mio e documentabile dal 1915,in quanto era di mio nonno.Se eventualmente dicidi di non restaurarlo per vari motivi,fammi sapere.Grazie

  52. renato Says:

    aiutatemi.. cerco fucile monocanna cal 32 e doppietta cal. 16 cani interni grazie a quanti vorranno aiutarmi- renato

  53. Luigi Says:

    Cerco caricatore per beretta mod.76 cal.22 e coppia di guancette nere.

  54. Luigi Says:

    Informazione tecnica..Ho visto che per molte pistole vendono kit per passare dal 9×21 al 22,esiste qualcosa per la beretta mod.76 cal.22 per passare a calibro superione (6,35 o 7,65 ecc.)Grazie

  55. fiorello Says:

    Gentilissimo Sig. Luciano mi darebbe qualche consiglio?
    Sto’trattando l’acquisto di una doppietta a cani esterni cal 24 perfettamente funzionante (dovrebbe essere antecedente il 1952 a detta del proprietario).
    Sulla bindella reca impressa la dicitura ACIER BAYARD ESTEBLISSEMENT PIEPER HERSTAL, inoltre impresso su entrambe le canne si nota stilizzato un cavaliere, a fianco è scritto DEMI BLOCK. Le canne sono da 74 cm esternamente buone, interne un pò rovinate.
    Nel complesso l’arma mi piace, se non mi chiede una CIFRA… sarei intenzionato ad acquistarla.
    Si possono sistemare le canne internamente? VALE LA PENA?
    Appena possibile faccio delle foto
    Grazie di tutto

    1. Luciano Says:

      Io ho una Bayard in calibro 32, e sicuramente se ne trovassi un’altra in calibro 24 la prenderei subito :-)
      Per quanto riguarda il restauro credo che tutto si possa fare, anche far ritubare, ahimè :( le canne; credo però che un restauro conservativo sarebbe preferibile.
      Per quanto riguarda le cifre ho più volte scritto e detto come la penso, quindi non mi ripeterò, tenga solo presente che pur essendo un’arma interessante è ben lungi da quotazioni stellari di armi fini dalle simili sembianze.
      Cordialmente

      1. francesco Says:

        possiedo unaPieper Herstal Bayard cal.24 perfettamente funzionante e in ottime condizioni.vendo 3313746803

  56. Lamberto Says:

    Prima di tutto colgo l’occasione per augurarle un 2010 coronato da grandi successi. Sono in possesso di un fucile canne a tortiglione cani esterni con scritta in oro su bindella BERNARD FIN vorrei avere qualche notizia. la ringrazio complimentandomi per il suo interessantissimo blog.

    1. Luciano Says:

      Grazie per gli auguri che ricambio sebbene con qualche giorno di ritardo e per i complimenti per il mio modesto ma sentito blog.
      Per quanto riguarda la sua arma sarebbe il caso di visionare qualche immagine per poter pensare di dire qualcosa.
      Mi faccia sapere.
      Saluti

  57. Scanferla Gabrio Says:

    Salve,
    sono entrato in possesso da poco di una Webley British Constabulary in pessime condizioni. Stò cercando degli esplosi di questa pistola per poterla smontare e riparare il meccanismo di ritorno del grilletto. Dove posso trovarli?

    Saluti.

    1. Luciano Says:

      Le pubblico un’esploso in un nuovo post, mi faccia poi sapere se è quello che cercava.
      Cordialmente

  58. Marc Says:

    Buongiorno
    Vorrei informazioni, sul tipo, valore, qualita, di questi fucili doppiette

    Ho ricevuto in eredità queste doppiette cani esterni
    una A’ St Etienne A. Gerest con calibro 1mm più grande del classico cal.12 , ingresso canna 21,5 mm uscita 19,5 mm lunghezza 76 cm con scritte in oro e incisione di cane con preda nella parte inferiore davanti ai grilletti
    una Bayard Gun Machine Male Safety Action Pieper Herstal, scritta in oro Acier Bayard cal.12 con incisi fagiani canne 70 cm
    Una ad avancarica canne 78 cm uscita canna 19 mm con incisioni ed uno stemma tipo scudo araldico sulla parte superiore del calcio all’altezza dei grilletti purtroppo senza scritte o segni.
    Sono oggetti di valore molto affettivo e in buone condizioni, volevo saperne la storia e se conviene restaurarli o lasciarli così
    Nel salutarla la ringrazio cordialmente
    Ps. Se necessario potrei inviarle qualche foto via mail.

    1. Luciano Says:

      Per il calibro 10 dovrebbe trattarsi una doppietta di fattura francese, la Bayard è invece belga.
      Personalmente ritengo che un restauro conservativo, poco invasivo, sia sempre una ottima strada da seguire;
      per quanto concerne il valore ho detto e scritto ripetutamente che non è possibile fare una valutazione senza visionare l’arma.

      Saluti

  59. GIANLUCA Says:

    ciao sono in possesso di una doppietta cani esterni giuseppe gitti cal 16 bellissima vorrei sapere se c’è una quotazione

    1. Luciano Says:

      Ne ho trovata una in vendita in armeria a 300 € e poichè la sua dovrebbe essere precedente a questa , hammerless ma nel medesimo calibro, ne tragga le dovute conseguenze.

      grazie per aver visitato il blog

  60. Sergio Says:

    Ho già inviato alcune righe per una pistola a spillo. Il restauro più avanzato mi consente di dare alcune notizie in più; calibro 12, rigatura, nessuna scritta, rottura della molla di blocco dello sportellino dietro il tamburo.
    Domanda: è possibile sapere qualche notizia sul manufatto e qualche disegno sulla molletta sopracitata, visto che sto lavorando di lima su una piccola barretta di acciaio armonico? Se poi esiste la possibilità di poter avere una molletta originale, magari da adattare lievemente, sarebbe anche meglio. Grazie. Sergio.PS.
    E’ possibile comunicare anche per telefono?

    1. Luciano Says:

      Salve
      mi può contattare al 328.6725631,
      per quanto riguarda il calibro da lei indicato, 12, con canna rigata, mi sorge qualche dubbio.

      Cordialmente

  61. simone Says:

    salve a tutti, vorrei avere delle notizie per quanto riguarda un fucile vecchio stampo (acier cockerill / poudres vives) doppietta calibro 16 con cani esterni. grazie

    1. Luciano Says:

      Salve,
      a parte il poterle dire che si tratta di una vecchia doppietta da caccia probabilmente dei primi del novecento, senza ulteriori informazioni e/o immagini, ogni altra notizia potrebbe essere solo figlia della preveggenza.

      Cordialmente

  62. Leonardo Scamarcia Says:

    Le chiedo, cortesemente, di farmi sapere a 1/2 e-mail se la carabina Beretta Weatherby cal.22 lr Mark XXII è arma sportiva ed il suo numero di catalogo nazionale delle armi per un futuro acquisto.
    Nell’attesa di Sua gradita ed ambita risposta La ringrazio e saluto distintamente.
    Leonardo Scamarcia commerciante in Crotone.

    1. Massimo Lapi Says:

      Buongiorno,

      anch’io ho una carabina Beretta Weatherby cal 22 lr Mark XXII e vorrei sapere se è classificata sportiva o arma comune.Anche per programmare altri acquisti. Non riesco a trovarne notizia. Grazie mille
      M.Lapi
      Livorno

      1. Luciano Says:

        Salve, l’arma in questione, che trova al numero 14 del Catalogo Nazionale Armi da fuoco, sebben che sia camerata con un calibro ormai identificato quale “sportivo”, ovvero il 22 Long Rifle, risulta essere “arma comune”, con quanto ne consegue per la detenzione. Fa quindi cumulo nelle fatidiche tre liberamente detenibili con porto d’armi.
        Nella home di questo blog potrà trovare un post da cui scaricare liberamente la scheda in pdf presa dal CNA.

        Cordialmente.

  63. savoli enrico Says:

    Salve mi scusi se la disturbo,
    possiedo una doppietta cani esterni bigrillo recante la marca Raick Brother Gunmakers Liegi in acciaio cockeril, e’ quasi uguale a quella nella fotografia da Lei esposta nel sito ad eccezione delle rimesse in oro su canne e bindella.
    Le incisioni sulla bascula sono quasi uguali e il piolo movibile della chiusura sulla mia è ovale anzichè quadrato come nella sua.
    E’ originale ed ha un numero di matricola basso 3410 .Può dirmi di che periodo è e ch valutazione può avere stante il fatto che è in ottimo stato e perfettamente funzionante.
    Grazie Enrico

    1. Luciano Says:

      Le ho risposto via mail.
      Saluti

      1. savoli enrico Says:

        grazie appena riesco Le mando le foto è stato gentilissimo

  64. giorgio pisaneschi Says:

    Un mio zio ha in casa una vecchia doppietta,cani interni,con stampigliata la dicitura:w.watson&sons 308-313 high hol born london.Sarei grato a chiunque potesse darmi informazioni su quest’arma.Ringrazio anticipatamente Giorgio Pisaneschi

  65. antonino Says:

    salve mi servirebbe un percussore per un revolver smith&wesson modello 686 il percussore e qello spinato al cane. grazie

  66. Alessio Says:

    Ciao, sono in possesso di una doppietta a cani esterni, doppio grilletto e canne affiancate cal .16; il fucile non presenta nessuna scritta, tranne una sopra le canne che dice “DAMAS LONDON” il fucile non sembrava avere numero di matricola, ad un esame più accurato sotto le canne è spuntato un 7xx, potrebbe essere la matricola? per il resto non presenta nessuna altra incisione, tranne quelle decorative… mi sapresti aiutare a capire la provenienza, l’anno ed una valutazione approssimativa (condizioni circa 65%). Grazie in anticipo, Alessio.

    1. Luciano Says:

      Ciao Alessio, pr i miracoli mi sto attrezzando!
      Scherzi a parte, senza alcuna foto mi riesce difficile immaginare quanto dici.
      Saluti

  67. aldo Says:

    Caro signor Luciano, mio padre ultraottantenne,patito cacciatore,possiede due fucili da caccia.Un Pietro Beretta mod.hammerless cal.24 e un Franchi semiautomatico mod.hunter 520 cal.12,perfetto stato.Vorrebbe venderli,quanto sono quotati?Grazie tanto per la risposta

    1. Luciano Says:

      Salve,
      ho ripetuto molte volte il giusto sistema per una quotazione commerciale di un’arma, tanto più quando si tratta di prodotti standard; vi prego di leggere con attenzione nei contenuti delle varie risposte.
      Cordialmente

  68. renzo torelli Says:

    ciao luciano,ho trovato interessantissima la tua esperienza e vorrei porti un quesito per il restauro di un winch mod.97 a pompa:
    devo ritubare la camera di scoppio,poichè il lavoro fatto in precedenza dal vecchio proprietario non è stato bene eseguito,infatti essendo la camera molto larga il bossolo si gonfia e non torna a zero e risulta impossibile l’estrazione.In conclusione quali sono le quote e le tolleranze da rispettare.La camera è cilindrica o deve presentare una leggera conicità????
    grazie renzo

    1. Luciano Says:

      Ciao,
      questa tipologia di lavorazioni vanno realizzate con estrema cura da personale specializzato,
      e poi prevedono la fatidica prova al Banco Nazionale di Gardone, che non è un vezzo ma una verifica strutturale sulla reale possibilità di utilizzo dell’arma senza controindicazioni di sorta!
      Saluti

  69. adriano Says:

    Buon giorno, mi hanno proposto l’acquisto di una doppietta Raick Freres cal 12 matricola 4716 dell’anno 1907. Ha i cani leggermente laschi e non chiude bene: conviene farla riparare?

    1. Luciano Says:

      Salve,
      da che mondo e mondo ogni cosa ha il suo prezzo, in taluni casi il costo può ritenersi oggettivo mentre in alcuni altri diventa estremamente soggettivo; quest’ultimo è il caso dei collezionisti, dove la volontà del possesso di un dato oggetto lascia cadere le valutazioni prettamente razionali per dar via libera alle più recondite ed emozionali passioni.
      Quindi nel suo caso bisogna valutare innanzitutto il costo dell’acquisto, poi il costo per rimettere a posto le chiusure, e parliamo di una triplice chiusura con traversino quadro passante, probabilmente se le chiusure sono “andate” anche le canne avranno non poche camolature e bisognerà valutarne lo stato, eppoi le molle dei cani, eppoi una verifica dei percussori e relative molle, eppoi una eventuale ribancatura…… per arrivare ad una cifra totale che potrebbe diventare rilevante.
      Quindi la domanda da porsi è se davvero vuole questa specifica arma, e quanto è disposto a spendere per averla perfettamente funzionante; personalmente ritengo che un’arma, antica o moderna che sia, debba essere funzionante anche se non la userò mai, quindi valuto che il costo d’acquisto e ripristino non superi il valore della medesima arma più o meno intonsa.
      Saluti

      1. adriano Says:

        Condivido pienamente. Dove posso trovare un po’ di storia di questo fucile?

  70. LUIGI Says:

    Ciao ho una doppietta calibro 16 con cani esterni, lasciata da mio padre. Non so che marca sia, e neache l’anno. Per disegno ha un cane e dei cespugli.
    Vorrei sapere la marca.

    1. Luciano Says:

      Per i miracoli mi stò attrezzando :D

      Scherzi a parte, senza foto o analisi di un minimo di punzoni siamo solo nel mondo della fantasia, invito quindi chi ha quesiti da porre di analizzare prima con cura tutte larti dell’arma in questione.

  71. Francesco Mele Says:

    salve,cerco disperatamente un caricatore per carabina calibro 22 Pietro Beretta. aspetto risposta

    1. Luciano Says:

      Salve,
      disperazione a parte, ritengo debba individuare il modello di arma per cui le serve il caricatore, altrimenti fa un buco nell’acqua.
      Forse se inserisce il suo annuncio di ricerca su armiusate.it riesce ad avere maggior riscontro.
      Saluti

  72. sergio Says:

    ciao
    forse mi puoi aiutare. Posseggo una Luger cal. 9. E’ una bellissima arma e l’ho comprata per sparare e non per guardarla soltanto. Purtroppo ieri al tiro a segno si è rotta. Dove c’è stampata la dicitura DMW sul carrello (non so come si chiama il pezzo in questione) però se hai presente l’esploso Luger è contassegnato con il n. 16 sono saltati i fori di aggancio al pezzo del percussore. Sono di Trento e non saprei dove rivolgermi, a parte Bignami che interesserò quando avrà finito con la mostra di Brescia, ma che dubito abbia. Conosci qualche altro artigiano o appassionato che può aiutarmi.
    Ti ringrazio e ti saluto cordialmente.
    Sergio Dalprà Trento

    1. Luciano Says:

      Chiedo scusa ma soltanto oggi, 22 giugno 2010, ho trovato qs post che risale ad aprile, purtroppo i computer non sono la perfezione assoluta.
      Credo che il problema sia stato già risolto, altrimenti credo che su http://www.armerialugli.it/ sia possibile trovare il rimedio, perlomeno per quanto riguarda le Mauser è uno dei più forniti.
      Saluti

  73. Peppino Says:

    Salve, ho appena ereditato un fucile calbro 12 cani esterni Giuseppe Gitti di metà anni ’60 con tanto di certificatodel banco nazionale di prova. IL fucile è in otimo stato ed è intasiato. Potreste essere così gentile da darmi un’indicazione di massima sulla valutazione.
    Grazie

    1. Luciano Says:

      Salve
      posso dirle che ultimamente ho trovato alcuni esemplari più recenti, in ottime condizioni,
      hammerless in calibro 20, intorno a 300 €,
      ritengo quindi che la sua possa attestarsi su cifre non superiori.

      Cordialmente

  74. Massimo Lapi Says:

    Grazie mille Luciano per l’informazione data sulla Beretta Mark XXII
    Massimo L.

  75. Franco Iungo Says:

    Salve,
    ho ereditato una doppietta a cani esterni Acier Bayard calibro 12 e siccome non spara da almeno 50 anni vorrei intanto pulirla e se possibile un manuale d’uso/smontaggio.
    Ti ringrazio in anticipo.
    Franco Iungo

    1. Luciano Says:

      Ahimè non ho a disposizione manualistica delle Bayard; dovrei aver tempo per trovare una monografia su Pieper Bayard su cui forse si trova qualche esploso, mi dia quindi un paio di settimane.
      Se troverò quato di suo interesse la contatterò via mail.
      Cordialmente

      1. Franco Iungo Says:

        Grazie mille per l’interessamento,saluti Franco.

    2. Luciano Says:

      Mi serve un po’ di tempo per verificare se trovo qualche esploso su di una monografia Pieper Bayard, anche perchè di manuali d’uso per armi di tal genere non se ne trovano facilmente.
      Saluti

  76. Massimo Says:

    Immagino che avrai già scoperto da tempo i dati relativi al tuo fucile Enfield.
    Si tratta comunque di un Enfield no.4 mk I prodotto dalla Savage e trasformato in fucile da caccia (“sporterizzato”, dicono gli americani) accorciando l’astina.
    C’erano aziende, come la Parker Hale, che facevano questi lavori in serie.
    La diottra è una mk.2, realizzata in lamiera piegata e di rapido utilizzo.
    I punzoni che hai fotografato sono quelli del banco inglese, che come al solito riporta nuovamente il calibro e la pressione (espressa in tons per square inch) alla quale il fucile è stato testato.
    Purtroppo l’unico punzone che mi pareva interessante, cioè quel semicerchio sulla camera di cartuccia, non l’hai fotografato :-(
    Mi pareva probabile che in quel punto si trovasse l’autore della trasformazione dell’Enfield da militare a civile.
    Si ritiene che il .303 sia il calibro che ha abbattuto il maggior numero di animali africani.

    1. Luciano Says:

      Solo in parte, ma grazie egualmente.

      Per quanto riguarda il punzone mancante a brevissimo ne pubblicherò la foto.

      Conosco la storia del 303 Br nella caccia, e se non erro se ne discuteva in merito a quale calibro è funzionale a quale preda, solo mi pare che il continente che ne ha fatto maggiormente le spese fosse l’Asia e non l’Africa (poichè il colonialismo inglese fu maggiormente intenso nelle Indie).

      Resto comunque in attesa di novità a foto pubblicata.

      Saluti

      1. Massimo Says:

        Gli inglesi hanno lasciato i loro fucili praticamente ovunque :-)
        Sicuramente in Asia avevano più interessi, ma in Africa c’erano più animali da cacciare :-)
        Hanno cominciato a tirare colpi con il calibro .303 br. già con il vecchio Martini Enfield, e non si sono mai fermati…
        Da non cacciatore (e per la verità anche vegetariano) dubito fortemente che esista un calibro funzionale ad una preda. Nel senso che trent’anni fa in Italia si andava al cinghiale con il 12ga. e la palla asciutta, o tutt’al più con la carabina Ruger in .44mag. ed entrambi erano considerati assolutamente soddisfacenti.
        Oggi pare che perfino il .30-06 ed il .308 siano considerati un calibri “troppo leggeri”, ed in tanti non vanno nemmeno in battuta senza dei calibri da overkill che a me paiono assolutamente sproporzionati (9,3×62 o 9,3×74 e similari).
        Pensare che il bolognese Conte Giovanni Marchetti alla fine dell’ottocento andava in giro per l’Africa con un 6,5 Carcano e ne era soddisfattissimo per qualunque preda (“Le avventure del Conte G.M. dall’Africa al Ciamciatka” pubblicato nel 1904).
        Ancora sento raccontare di un PH di origine francese che negli anni settanta sparava ai cafri con la .22LR, facendosi caricare e sparando un colpo alla nuca dopo avere evitato la carica dell’animale all’ultimo momento, come il toreador alla fine di una corrida.
        Invece qui…. senza un semiautomatico in 9,3×62 pare non si possa più neppure sparare ad un cinghialetto di 40 chili :-(

        1. Luciano Says:

          Condivido appieno quanto scritto, anzi racconterò quanto insegnatomi da mio padre, esoterico uomo di penna, in gioventù nobile cacciatore internato fra i Non ad Hereford, in Texas.

          Ebbene, pur avendo negli anni post bellici a disposizione molte armi, fra cui, per la caccia alll’ungulato all’epoca autoctono e non reintrodotto da ceppi est europei, un superbo Manlicher Steyr M95, monomatricola e camerato in originale, usava esclusivamente un monocanna calibro 16. “… per il tipo di cacciagione che abbiamo qui…”, diceva, “… questo è il calibro perfetto, va bene per il cinghiale e va bene per la coturnice, va bene per i tordi e va bene per la pernice, … eppoi tu hai una sola possibilità, se sbagli è giusto che la la preda abbia una via di fuga…”

          Ovviamente erano altri tempi e la caccia era da alcuni praticata come una nobile arte!

      2. Massimo Says:

        Ho paura che non siano in molti (purtroppo) a conoscere gli Herefordiani.
        Ma è giusto sottolineare che stiamo parlando di persone che avevano una sola parola, e già questo dal mio punto di vista li pone su un livello decisamente molto più elevato della media :-)

  77. Massimo Lapi Says:

    mi stanno arrivando in automatico tante e mail del vs blog. La prego di vedere cosa sta succedendo per non intasare la mia casella. Grazie e buon lavoro

  78. francesco Says:

    ,,,ciao ho ereditato dal mio nonno paterno un damas turc calibro 16 con cani esterni,vorrei risalire all’anno e al valore mi puoi aiutare,tenendo presente che tutto cio’ ha solo un valore i curiosita’ anticipatamente ringrazio.

    1. Luciano Says:

      Ho scritto innumerevoli volte le procedure per “leggere” un’arma: foto dei punzoni e descrizione dettagliata :)

  79. sergio Says:

    Salve Luciano, ho ritrovato una vecchia doppietta di mio nonno, ed è estremamente simile al giustapposto Raick Freres le cui foto lei ha pubblicato in questo blog: ha differenza di quello da lei posseduto, riporta la scritta “Raick Brothers, gunmaker Liege” e invece che “acier cockerill” porta il nome “Siemens Extra”. purtroppo non è in buono stato, ma è completamente originale. crede possa avere un interesse ed un valore? grazie

    1. Luciano Says:

      Salve
      dovrebbe trattarsi di un pezzo per l’esportazione sui mercati britannici;
      non è arma fine, quindi si può attestare su quotazioni di artigianali del medesimo periodo.

      Cordialmente

      1. sergio Says:

        Grazie Sig. Luciano, molto gentile a rispondermi. Se volesse darmi un consiglio, nel caso ne conoscesse, su un esperto a cui rivolgermi nella zona di Roma e dintorni, le sarei grato. mi risponda anche in PVT all’indirizzo mail maggio98@tiscali.it.
        Cordialmente

  80. rocco Says:

    ciao luciano ho ereditato da poco una doppietta 12 damas bernard.sarei curioso di conoscere il valore.sulla bascula oltre alle varie incisioni vi è la sigla(M 37)
    anticipatamente ringrazi

  81. leonardo Says:

    sono in possesso di un fucile da caccia con cani esterni cal 16 non vi è alcun numero di matricola, le uniche scritte presenti sono le seguenti: P.scultze,3v 2v choke16 pr, gradirei sapere anch approssimativamente il valore di detto fucile grazie

  82. Pietro Says:

    Egr. sig. Luciano, recentemente sono entrato in possesso di due doppiette a cani esterni in discrete condizioni e di ottima fattura tanto che incuriosito ho fatto delle ricerche in internet senza pero trovare notizie di alcun genere. Confidando nella su esperienza e conoscenza le chiedo se è in grado di fornirmi ulteriori notizie sulle armi di seguito indicate con una evventale valutazione:
    1) doppietta a cani esterni cal. 12,canne damascate non cromate CM. 70,con punzonato all’interno di un cerchio le lettere “L-L.G.*” “NON POLR BALLE”, “17.2″,”17.8″,del peso di kg.1.458. Sulla bindella scritta oro “DAMAS ANGLAIS”,batterie incise con scene di caccia, a destra scritta in oro “ARMAIOLO GENOVA”, a sinistra scritta in oro “CORTE SIGISMONDO”,
    2)doppietta marca “K.L” BASCULANTE (canne in corpo unico con piano di bascula e batterie interne non amovibili) a cani esterni a orecchia di coniglio con canne brunite e cromate di cm.71, con strozzatura “*** – *”,con critta ” EL CHIBON CAL. 410-3′ MAG. MADE IN SPAIN”,bascula tartarugata. Sulla precedente denuncia armi è indicata la marca “Guisassola” marca che non corrisponte a quella indicata nel certificato del banco di prova.

  83. Giorgio Says:

    Ciao
    Gentilmente potreste indicarmi se qualcuno ha un calibro 32 cani esterni o interni sempre doppietta????
    Ciao

  84. maurizio collini Says:

    Salve, ho un conoscente che vorrebbe vendere una doppietta cal.16 avancarica cani esterni,marca BERETTA matricola 00026, ed anche un fucile monocanna cane eterno cal.28 marca ELG sapete dirmi quanto possono valere approssimativamente?
    Vi ringrazio
    Saluti Maurizio Collini

  85. Francesco Says:

    Salve ho ereditato questa vecchia doppietta cal.12!
    per quello che leggo io sulla canna è un Damas Etoile anche se non è molto leggibile la scritta sembra incisa in oro.
    Questo fucile mio zio che ora compie 82 anni lo ereditò allora da mio nonno e sarei curioso di saperne di più a riguardo tipo l’anno di fabbricazione il suo valore economico ecc…

    Grazie in anticipo

    http://img227.imageshack.us/f/cimg0267.jpg/

    http://img6.imageshack.us/f/cimg0271u.jpg/

    http://img543.imageshack.us/f/cimg0273.jpg/

    http://img155.imageshack.us/f/cimg0277l.jpg/

    http://img375.imageshack.us/f/cimg0279z.jpg/

    http://img213.imageshack.us/f/cimg0281.jpg/

    http://img408.imageshack.us/f/cimg0270b.jpg/

    http://img836.imageshack.us/f/cimg0276r.jpg/

    http://img215.imageshack.us/f/cimg0278l.jpg/

    http://img28.imageshack.us/f/cimg0280x.jpg/

  86. Enzo Says:

    Ciao,
    mi piacerebbe conosce il
    prezzo commerciale e l’anno
    di costruzione del
    revolver modello trident
    38SP CT/47 RENATO GAMBA,
    in ottime condizioni.

  87. Massimo Says:

    Sul “Catalogo Bolaffi del cacciatore e delle armi” del 1974 (ultima edizione stampata) il Trident non figura, e quindi è successivo.
    Da quel che ricordo si tratta di un revolver prodotto in Spagna e commercializzato in Italia sia da Franchi (modello RF 83 solo in calibro .38) che da Gamba (modello Trident, in calibro .32 e calibro .38, canne da 2,5″ 3″ 4″ 6″).
    La qualità lasciava molto a desiderare, e solo il prezzo decisamente basso gli permetteva di restare sul mercato.
    Il mio Franchi RF83 lo comprai nel 1982 (allora ero studente e povero, ora sono solo povero!).
    A memoria direi che sia il Trident che l’RF83 siano stati commercializzati all’inizio degli anni ottanta.
    Il prezzo…. da quando il PMAL di Terni si è messo a vendere i revolver Franchi RF83 con canna da 2″ (ex GdF) a 20 euro, il prezzo commerciale si è attestato su livelli bassissimi, direi 50 euro per simpatia.

  88. Vincenzo Says:

    Salve possiedo 2 pistole regalatemi da mio padre una cal.7,65 fabbrica armi Lario como a vista sembra identica all’astra 300 e una smith e wesson cal.38 mod. victory tutte e due perfettamente funzionanti settimana scorsa ho sparato 50 colpi al poligono. Volevo qualche informazione su entrambe e volevo sapere se si può sapere la loro quotazione approssimativa so che senza foto non è facile ma mi basta sapere se c’è un minimo e un massimo poi provvederò eventualmente a farle valutare.

  89. Massimo Says:

    Della Fabbrica Armi Lario so molto poco… produceva principalmente doppiette da caccia di qualità medio-bassa, e non era rinomata per le armi corte. L’azienda è stata fagocitata diversi decenni fa dalla Beretta, e non esiste più.
    La Smith Wesson Victory è un revolver in calibro .38 SW (diverso dal .38 special!) prodotto in centinaia di migliaia di esemplari, ed il prezzo dipende esclusivamente dalla conservazione.
    Infatti nell’ultimo quarto del secolo scorso un noto importatore italiano (ora finalmente in pensione!) inportò centinaia di questi revolver acquistati a prezzo di rottame, sostituì le guancette lisce originali con altre civili zigrinate, fece spazzolare (veramente malissimo!) e brunire le pistole, e le rivendette a due soldi.
    Finirono per la maggior parte ad armare guardie giurate che cercavano un’arma affidabile ed economica.
    Purtroppo con le operazioni che aveva fatto aveva azzerato il valore collezionistico (e venale!) delle armi.
    L’arma originale era invece “browned without polishing” ed aveva un aspetto che si avvicinava alla successiva fosfatazione.
    Tanto per dare un minimo ed un massimo alle quotazioni per la Victory, un esemplare spazzolato e ribrunito, in buone condizioni di conservazione, può costare tra i 100 ed i 150 euro.
    Un esemplare in condizioni originali con conservazione perfetta lo si trova a prezzi di 600 o 700 euro.
    Non so come sia la sua….

  90. davide Says:

    ciao, scrivo perchè sono alla ricerca di qualche disegno utile per la costruzione di un estrattore per fucile monocanna beretta 412. Grazie anticipatamente complimenti per il sito…

    1. Luciano Says:

      Salve,
      purtroppo non ho disegni, ma se mi da il tempo, le mando quanche foto dell’estrattore presente sul modello in mio possesso, sebbene sia in calibro 24.

      Cordialmente

  91. davide Says:

    ti ringrazio, se possibile mi interessa in particolare la parte posteriore dell’estrattore e come avviene il movimento per l’estrazione del bossolo.

  92. DI LEONFORTE ALESSANDRO Says:

    Buanasera! La contatto perchè da non molto un parente mi ha reso felice donandomi un L.FRANCHI CA.12 MOD.PRESTIGE.In questo frangente di tempo mi sono messo alla ricerca del manuale d’uso dello stesso con annesso l’esploso e la legenda dei pezzi che lo compongono,ma senza nessun risultato se non quello di venire a conoscienza delsuo sito.
    Chiedo quindi,è possibile trovare questo materiale informativo?
    Visto che l’arma in questione non è di nuova generazione.
    Ringraziandola anticipatamente le porgo cordiali saluti.

    1. Luciano Says:

      Salve,
      provi a contattare la Franchi telefonicamente, non hanno molto in archivio, ma credo che un esploso riusciranno a reperiglielo.
      Tenga presente che si tratta di un’arma estremamente semplice, il cui esploso può paragonarsi a molti altri automatici a recupero di gas; prima di usarlo verifichi le condizioni dell’astina in legno, è questa il tallone d’Achille di quest’arma: molto sollecitata tende a rompersi.
      Saluti

  93. Alessandro Says:

    Buonasera, desideravo sapere, essendo proprietario di uno splendido esemplare di L.Franchi RF 63 extra small (canna da 2″), se è possibile reperire l’esploso della stessa a causa di un inconveniente odierno…si è rotto un pernettino grande come una vite delle “stecche” degli occhiali, che è fissato sul lato destro del grilletto e che movimenta un meccanismo interno che arriva fino al cane.
    L’esploso mi servirebbe per capire se è un vite o se è a pressione (dubito) per poterlo ricostruire visto che credo che non si trovi in commercio.
    Grazie ancora.

    1. Luciano Says:

      Salve, non ho l’esploso che le occorre, ma poichè trattasi di arma abbastanza semplice e conosciuta, ritengo che qualsiasi armaiolo sia in grado di rimetterla a posto in maniera egregia.
      Cordialmente

  94. luciano Says:

    Ho comprato un fucile semiautomatico Franchi 500 ma non riesco a smontare l’otturatore per poterlo pulire bene.

  95. Luciano sedda Says:

    Ho un fucile semiautomatico Franchi 500 del quale non riesco a smontare l’otturatore in nessun modo.

  96. Luciano sedda Says:

    Non riesco a smontare l’otturatore del mio semiautomatico Franchi 500, xkè?

    1. Luciano Says:

      Salve,
      non ho idea del perchè non ci riesca, personalmente con la manualità sono un vero e prorpio disastro, per queste cose mi rivolgo in armeria o a qualche artigiano!
      Al massimo posso consigliarle dello svitol!

      Saluti

  97. giovanni Says:

    salve ,la mia domanda è quasi uquale a quella di un altra persona sopra citata di nome andrea inviata il 15 ott.2009 ,allora vengo al dunque :la beretta cal 16 in questione porta la scritta p schulze acn pouf balle , e vorrei sapere piu che il valore un po di info ad esempio la data e altro . sicuro di un vostro riscontro porgo distinti saluti

    1. Luciano Says:

      Salve
      sicuramente serve qualche immagine!

      saluti

  98. piero Says:

    salve possiedo un revolver ereditato da mio padre in cal 38 special ,poiche la canna internamente è corrosa vorrei cambiarla ma qui in zona palermo trapani mi hanno chiuso le porte un po tutti ,preciso che la pistola piu o meno risale ai primi del 900 ,ha sparato pochissimo e vorrei rimetterla ma non so a chi rivolgermi .potete aiutarmi ? grazie

    1. Luciano Says:

      Non basta conoscere il calibro per cambiar eun acanna, occorre Marca, modello etc…
      in prim analisi visionando l’arma si può capire anche se si può cambiare o meno, mi mandi qualch efoto.

      saluti

  99. alberto rubbini Says:

    Gentilissimo Luciano, sono capitato per caso su questo sito ed approfitto per ” scroccare ” qualche informazione. Sono venuto in possesso di una doppietta a cani esterni ad avancarica. L’arma è molto ben conservata, ha le canne a torciglione marcate ” PEDRETTI GARDONE “, sulle guancette delle batterie è inciso ZANINI F. su di un lato, mentre sull’altro è inciso ” REGGIOLO “, il calcio è tutto scolpito con figure di animali. L’arma è perfettamente funzionante, necessita solo di una buona pulizia interna le canne. Credo sia calibro 12, il diametro alla bocca di volata è di 18 mm. Ti chiedo se gentilmente puoi darmi qualche informazione aggiuntiva, tipo la presunta data di costruzione ed eventualmente se un’arma così ha qualche valore. Ti ringrazio anticipatamente e ti saluto cordialmente. Alberto Rubbini.

    1. Luciano Says:

      Salve,
      le armi come ripeto sempre più spesso vanno visionate, altrimenti si rischia di dire schiocchezze, sopratutto per le quotazioni.
      Si tratta di arma italiana fra la seconda metà dell’800 ed i primi del 900.
      Saluti

  100. Luigi Says:

    Ciao Luciano ,
    possiedo una doppietta calibro 16 di mio nonno
    marca PIEPER HERSTAL BAYARD GUN SAFETY ACTION
    vorrei sapere l’anno di produzione e dove posso trovare notizie inerenti quest’arma.
    Inutilizzata da parecchio, vorrei restaurarla per l’inestimabile valore affettivo.
    Ti ringrazio in anticipo
    un affettuoso saluto.

    1. Luciano Says:

      Caro Luigi,
      non so se trattasi di ominimia o se del mio concittadino, per datare un’arma è necessaria la visione delle punzonature presenti su di essa, altrimenti si possono solo dare indicazioni di massima sul periodo più o meno lungo in cui un artigiano o una azienda hanno prodotto.

      Quindi è necessario visionarne i punzoni, de visu o fotograficamente, per poterne dire qualcosa di preciso.

      Saluti e grazie per aver visitato il mio blog

  101. andrea Says:

    ciao dove posso trovare un legno completo per uno steyr m95 che il mio papà mi ha regalato e piano piano lo sto rimettendo a posto anche se ci sono passati sopra con un trattore ti lascio immaginare la canna

    1. Luciano Says:

      Conviene cercare nelle armerie specializzate in ex ordinanza, o se sei fortunato puoi trovare qualcosa su Ebay.
      In bocca al lupo

  102. Massimo Says:

    Di tanto in tanto le calciature degli Steyr passano su http://www.armiusate.it

  103. danilo Says:

    salve,
    ho una doppietta cal.12 acier cockerill mod.grand prix milan 1906 in ottime condizioni e quest’anno l’ho usato per la prima volta e ho preso un cinghiale al primo tiro……..volevo sapere il suo valore se qualcuno ne è al conoscenza….GRAZIE!

  104. roby Says:

    salve a tutti
    ho [...] una vecchia doppietta avancarica con cani esterni cal 16 con il calcio scolpito con un ariete ( da vedere è come quello visto nella home page del sito )
    dopo piccola scomposizione ho trovato le seguenti scritte
    lateralmente ; aparis e prevote..jne
    sotto le canne ; h.dombert ed una punzonatura non riconoscibile
    sotto il calcio ; a.rosseau
    qualcuno mi sa dire qualcosa in più ?
    grazie per qualsiasi info

    1. Luciano Says:

      Ho risposto in privato, se qualcuno vuole aggiungere qualcosa non ha che da commentare di seguito.
      Saluti e grazie per aver visitato il mio blog

  105. FABIO Says:

    salve sig luciano volevo sapere di piu’ su una doppietta harmelles matr.874 del 1941 cal 12 canne 70 ***/* bigrillo con una colombella d’argento sulla chiavetta,calcio a guanciale di cinghiale(informazioni prese da altri cacciatori)all’interno della bascula i punzoni sono molteplici come una corona cerchiata,una FB che si legge a stento,GPstampigliato,la prova stampigliata del banco,nelle canne e’ stampigliato il nome degli acciai “GRUPP ESSEN”,le batterie sono holland-holland,la bascula e’ eseguita a bulino floreale circolare,la suddetta doppietta nel 2000 e’ stata inviata presso l’armeria UBERTI per restauro di lucidatura,prima di riinviarmela mi telefona il cannoniere dicendomi se volevo lasciare li l’arma erano interessati all’acquisto. grazie anticipatamente del suo consiglio vorrei sapere il valore e il pregio dell’arma in questione buonlavoro

    fabio 15/06/2011

    1. Luciano Says:

      Salve
      senza visionare delle foto dettagliate posso dirle ben poco;

      in merito alla quotazione credo che alla Uberti, dove hanno avuto modo di visionare l’arma,
      hanno le idee ben chiare, quindi non capisco perchè non chiedere a loro quanto le avrebbero offerto per l’acquisto!

      Cordialmente

  106. FABIO Says:

    egr.sig.luciano la disturbo di nuovo per sapere tramite la sua conoscenza in materia balistica il pregio di una doppietta ZANARDINI cal.20 con canne 71 ****/** con su stampi gliata la dicitura acciai BOHIELER ,all’interno della bascula il punzone principale e’ un elmetto(MI HANNO DETTO CHE SI TRATTA DEL MARCHIO DEL PADRE ZANARDINI PERCHE’ IL FIGLIO USA UN SOLDATINO COME MARCHIO)poi c’e’ una corona con i rami di alloro,nella chiavetta c’e’ una colombella d’argento,non ho piu’ nessun riferimento da dare purtroppo.Vorrei sapere la valutazione dell’arma sopracitata grazie sempre anticipatamente grazie buon lavoro

    FABIO 15.06.2011

  107. Michele Says:

    Salve posseggo una doppietta Cockerill calibro 28 la matricola si è approssimativamente vicina al n. 200 , ha dei disegni d’oro sulla canna ed è inciso in argento penso vicino al grilletto, non me ne intendo tanto, e vorrei sapere approssimativamente il valore di questo fucile.

    1. Luciano Says:

      Salve,
      dovrebbe leggere i vari post dove viene spesso ripetuto come si può determinare il valore di un’arma, e soprattutto che una richiesta verbale e generica è assolutamente insufficiente ad ipotizzare una qualsiasi valore.
      Cordialmente

  108. claudio Says:

    salve considerando la sua esperienza desidererei saper se una S & W 686 da 6” si possa rovinase se ci si spara a salve. ringrazio e cordialmente saluto, Claudio

  109. Gabriel Says:

    salve a tutti, se mi permetti di esprimere un’opinione non credo che le munizioni a salve rovinino un 686, come del resto altri revolver, comunque esiste un kit che consente di sparare proiettili di plastica con il solo utilizzo dell’innesco, quindi il bossolo è privo di polvere, fa poco rumore ed è possibile divertirsi anche tra le mura domestiche o nel giardino di casa, è un modo per allenarsi senza sprecare munizioni vere e proprie. Comunque ti faccio i miei complimenti per il tuo Smith & Wesson 686, io possiedo un model 29-2 del 1961, in 357 magnum, e ne vado fiero!

  110. Massimo Says:

    Gabriel: in quel che scrivi c’è qualcosa che non mi quadra.
    Il revolver Smith Wesson 29 è in calibro .44 magnum, non in .357 magnum.
    In calibro 357 ci sono il revolver 27, ottimamente rifinito, o la sua versione più spartana, ovvero il modello 28 “Patrolman”, che era il revolver dei “Chips”.
    Ma una modello 29 in calibro .357 proprio non mi risulta.

  111. claudio Says:

    salve! mi piacerebbe capire la differenza tra stoeger luger 22 long rifle e la luger p08 DWM ? saprebbe dirmi pià o meno il valore attuale della prima? grazie mille

    1. Luciano Says:

      Salve
      la Stoeger è un azienda americana, ormai di proprietà della Beretta (!) che fondata da emigranti austriaci intorno alla prima metà degli anni ’20, pensò bene di registrare all’Uffico brevetti il nome/brand Luger. Marchio utilizzò commercialmente producendo copie delle Mauser/Luger P08 imperiali da commercializzare in America, la più diffusa fu in calibro 22 LR prodotta fini agli anni ’70.
      Ovviamente la P08 DWM e tutte le altre svariate produzioni sono le vere armi storiche originali dell’impero austro ungarico.

  112. Massimo Says:

    Le foto della scheda sono state cancellate, ed è rimasto solo il testo:
    http://www.museoexordinanza.eu/schede/lugerstoeger.htm
    Non tenere conto dei commenti negativi sulle Erma, perchè sono relativi ad un modello prodotto da Erma di dimensioni molto ridotte rispetto all’originale, e non alla Erma EP 22 che è identica alla Luger P08.
    La Luger è una pistola progettata da Georg Luger, utilizzata sia durante la prima che durante la seconda guerra mondiale.
    DWM (Deutsche Waffen und Munitionen) è una delle aziende che hanno prodotto pistole Luger, ma ce ne sono state tante altre (ad esempio Simson).
    Il modello P08 è un modello adottato militarmente in calibro 9 parabellum.
    Quindi la pistola P08 (detta Luger) prodotta da DWM è un’arma prodotta a specifiche militari. Ne è esistita anche una versione in calibro 7,65 parabellum (le prime Luger tedesche, le Luger svizzere e le modello 23 civili, ad esempio).
    La Stoeger è un’azienda americana, da qualche anno di proprietà Beretta, che prima della seconda guerra mondiale importava in USA le pistole Luger, ed aveva registrato in USA il marchio Luger.
    Quando si è messa a produrre le simil-luger in calibro 22lr ha potuto legalmente marcarle Luger.
    Ma la produzione qualitativamente è molto peggiore di quella, ad esempio, della tedesca Erma, che ha fatto Luger in calibro .22 molto più somiglianti all’originale.
    In questa pagina:
    http://www.museoexordinanza.eu/schede/ermaep22.htm
    nella foto in basso la prima è una Stoeger in .22, la seconda una Erma EP22 in .22 e la terza una Luger P08.

    1. Luciano Says:

      Grazie Massimo per la precisone nel dettagliare la risposta.
      Saluti

  113. francesco Says:

    salve a tutti mi chiamo francesco questo annuncio e dedicato a chiunque sia in grado di dirmi che modello e la mia carabina colt’s si tratta di un modello a pompa e porta la data 1883 non riesco a trovare nessun riferimento nonostante abbia inserito tutti i dati che adesso riportero di seguito (colt’s pt.f.a.mfg.co.hartford ct.u.s.a.patented may 29 sept 1883 may 26.85 .june 15.86.feb 22.87) questi sono tutti i dati e uguale alla colt’s a leva ma ripeto questa e a pompa per qualsiasi informazione la mia mail e (frensisbottalgin@hotmail.it

    1. Luciano Says:

      Servono foto dettagliate.
      Saluti

  114. Alessio Says:

    Salve, ho letto sopra che molti qui posseggono fucili bayard, purtroppo non sono riuscito a trovare in rete informazioni storiche su questo marchio belga.Potrebbe pubblicare informazioni a riguardo su questo forum ?
    E potrebbe dirmi come si distinguono a occhio canne damasco e torciglione da canne moderne ? Spero di non abusare troppo della sua disponibilità e la ringrazio anticipatamente.

    1. Luciano Says:

      Salve,
      esistono alcune pubblicazioni in lingua francese sulla storia delle Bayard, e delle Pieper Bayard, ho avuto modo di consultare alcuni volumi, e dovrebbero facilmente recuperarsi nelle librerie on-line.
      In merito alla damascatura, che è una particolare lavorazione di “ripiego multiplo” delle barre d’acciaio da cui forgiare le canne, e facilmente riconoscibile poichè presenta una sorta di venature più o meno armoniche nel metallo.
      Se vuol avere uletriori riferimenti: http://www.damascus-barrels.com/index.html

      Cordialmente

  115. stefano Says:

    buona sera che lei sappia esiste un franchi alcione che mi è stato detto abbia un notevole valore grazie a un difetto di produzione eliminato in seguito… da quello che mi è stato detto ne esistono pochi esemplari…si parla di un fucile di 30/40 anni fa

    1. Luciano Says:

      Aihmè sono all’oscuro di ciò.
      Saluti

  116. Giuseppe Says:

    Vorei chiedere qual’è la marca di una doppietta con le seguenti punzonature: FB; uno stemma con sopra una stella; PSF con sopra una stella; Finito con sopra una stella; 90 C 1951;

  117. Giuseppe Says:

    Aggiungo: le canne riportano la seguente dicitura: parte superiore, FLUSS STHAL (TRE Cerchietti) KRUPP ESSEN; parte inferiore su una K 1,300- 17,1 – 16,5 CHCKE
    sull’altra cal. 18,6 8sotto) cam 65 – 17,1 -. 16,4 – 16; all’interno delle due canne un numero: 824

  118. Francesco Says:

    ciao io possiedo una doppietta P. Beretta – gardone .v.t -brescia nn sò quando è stata fabricata eso solo che chi me lo ha lasciato lo preso circa nel 1947 e volevo sapere come posso fare per farlo valutare
    grazie a presto

    1. Luciano Says:

      Si può contattare la Beretta, che potrà dare diverse indicazioni sull’arma, magari non proprio il valore commerciale.
      saluti

  119. Fabio Says:

    Salve mio padre possiede una doppietta Beretta cani esterni (marchiato Monobloc Beretta Brescia) calibro 12 modello vittoria. Sull’incisione compare E-P Shultze ed altri numeri, vorrei sapere se conosce questo fucile e magari se sa darmi delle indicazioni per capire l’anno ed eventuale valore.
    Grazie a presto

    1. Luciano Says:

      Salve
      contattando la Beretta, rif. sig. Oropesa, può avere, comunicando il numero di matricola, tutte l einformazioni disponibili sull’arma.
      La quotazione necessita della visione.
      Cordialmente

  120. Walter Says:

    Salve, un mio amico ha ritrovato in campagna un vecchio fucile cal. 16 con regolare numero di matricola. Ma in caserma non gliela intestano (il mio amico ha regolare porto d’arma) perchè non riecono a capire quale sia la marca. L’unica cosa che si capisce è che sulle canne c’è scritto ” english steel vickers works sheffield mod. standard”. E’ possibile capire di che marca di fucile si tratti?
    Grazie mille

    1. Luciano Says:

      Salve
      la questione è di altro genere, ovvero se il suo amico è proprietario della casa/cantina/stalla dove è avvenuto il ritrovamento, può prendere possesso dell’arma, anche se artigianale e priva di segni di riconoscimento che permettano di ricondurre con ragionevole certezza al produttore;
      laddove così non fosse, ovvero l’arma fosse ritrovata nei pressi di un casale diroccato, o in un canalone e quindi la proprietà dell’arma non fosse direttamente riconducibile alla famiglia o alla persona che la ha ritrovata, non credo sia possibile divenirne proprietario.
      Ad ogni buon conto, per tale materia, ritengo di doverle consigliare di contattare il Dott. Edoardo Mori che potrà esserle sicuramente di maggiore e qualificato aiuto che non io.
      http://www.earmi.it/email.htm
      Cordialmente

  121. Carlo Says:

    ciao Luciano,sono in possesso di un monocolpo con canna ottagonale che dai marchi dovrebbe essere un flobert,mi interesserebbe sapere il calibro e la valutazione .ti ringrazio Carlo r.s.m.

    1. Luciano Says:

      Il signor Flobert ha inventato l’omonima cartuccia, il calibro 9 Flobert, appunto ed in calibro 8; da percussione anulare a centrale con bossolo rimmed…. per il retso bisogna visonare delle immagini.
      Cordialmente

  122. Roberto Says:

    Salve,ho acquistato una pistola franchi llama7.65 per una pura occasione.Vorrei sapere la misura dei proiettili che essa può sparare se 7.65×17 o 7.65×22 o entrambi?Ovviamente il tutto acquistato regolarmente ma in sincera verità preferisco i revolver.Grazie

    1. Luciano Says:

      Salve
      la semiauto di cui parla dovrebbe camerare il calibro 7.65 Browning, ovvero 7.8×17.5

      Cordialmente

  123. monica Says:

    buon giorno sono entrata in possesso di alcune armi da fuoco dell 800 come posso conoscere una stima approssimativa del valore di queste armi? Grazie mille Monica

  124. Stefano Says:

    Buonasera Luciano,
    grazie alle foto del suo giustapposto Raick Freres sono riuscito ad identificate un arma lasciatami in eredità come un Raick Freres giustapposto calibro 16, del 1896. E’ in buone condizioni e tutto originale come il suo. Non so molto di quest’arma al di là di ciò che ho potuto capire dalle punzonature, mi chiedo se potesse darmi qualche informazione in più. L’altra arma lasciatami da mio nonno è una doppietta Zanardini tipo Holland del 1960, un oggetto che a me pare molto bello e so che il produttore gode di grande considerazione, ma vedo che nel web di questo giustapposto non ne parla nessuno. Se ho in qualche modo solleticato la sia curiosità, mi dica in che modo posso farle avere le foto, sarei lieto di mostargliele.
    Grazie e buona serata.
    STEFANO

    1. Luciano Says:

      Può mandarmi le immagini vi amail.
      Cordialmente

      Luciano M

  125. Filippo Says:

    Sto cercando una tacca di mira anteriore per una carabina beretta weatherby cal 22 mi sa dare qualche informazione?

    1. Luciano Says:

      Qualche sito americano potrebbe avere questo ricambio, o altrimenti qualche artigiano che fa riparazioni.
      Cordialmente

  126. paolo Says:

    Possiedo un sovrapposto beretta s56e arma in ottime condizioni che ultimamente e con temperature sotto lo zero spesso fa cilecca con la seconda canna hai qualche consiglio da darmi.
    grazie comunque
    Paolo

    1. Luciano Says:

      Non credo che l’escursione termica infici più di tanto l’elasticità del metallo della molla del percussore, provi semplicemente a farla sostituire.
      Cordialmente

  127. Felice Says:

    Buongiorno,
    mi chiamo Giovanni e sono possessore di diversi fucili da caccia.
    Ho un antico fucile e mi piacerebbe saperne un po’ di più.
    Doppietta cal.12, cani esterni, Bayard.
    Sulle canne c’è inciso “H.Pieper Liége”, mentre sulla bindella c’è inciso “fox smokeless powder”.

    Secondo lei dove posso reperire alcune informazioni relative all’anno di costruzione e la sua quotazione?

    Grazie anticipatamente
    Felice Cervellin

    1. Luciano Says:

      Salve,
      a parte la confusione di sapere se lei è Felice oppure Giovanni, posso dirle che sulla Pieper Bayard ci sono moltissimi volumi su cui approfondire l’argomento, basta farsi un giro sulle biblieteche anche on-line.
      In merito alle quotazioni ho scritto innumerevoli volte, anche su questo blog, come la penso e quali sono i modi per arrivare a dare delle stime.

      Cordialmente
      Luciano M

  128. Massimo Says:

    Data la sua esperienza volevo sapere se esistessero dei ricambi originali per un Raick Freres giustapposto cal. 16. E in particolar modo la ruota dentata e l’ingranaggio del grilletto della meccanica di destra. La ringrazio in anticipo Salutandola cordialmente.

    1. Luciano Says:

      Salve
      credo sia impossibile trovare pezzi di un produttore artigianale dei primi del secolo scorso,
      però allo stesso modo, essendo di facile produzione, qualsiasi artigiano che ripara armi
      è in grado di produrre i pezzi usurati.

      Saluti

  129. jacopo leoli Says:

    ciao sono jacopo ho visto fra queste foto una doppietta quella che a le canne damascate e le rifiniture d oro io ne possiedo una uguale qualcuno mi potrebbe dire se a un valore ho almeno quanto puo valere ?.. per favore se qualcuno lo sa se me lo puo dire

  130. sartori Says:

    ciao cosa puo valere una pistola mausere werker oberndorf calibro 7,65 completa e denunciata, me ne voglio disfare con altri pezzi tutti regolari.ti ringrazio per la tua cortesia di una risposta (anche in tempi brevi).

  131. Giovanni Paolino Says:

    Sera, sono alla ricerca di notizie su due marche di armi, se poteva indirizzarmi o in sintesi darmi qualche dettaglio per non essere esuberante nella richiesta, nello specifico: fucile a retrocarica da caccia cal 16 a 2 colpi marca Magno presuno costruito tra gli anni 30/40
    Fucile Batti da caccia avancarica cal 12 a 2 colpi prodotto presumibilmente tra gli anni 20/40.
    Ringrazio anticipatamente per la cordiale attenzione

    1. Luciano Says:

      Salve,
      per intanto le pubblico la richiesta, non si sa mai che qualcuno possa darle una veloce risposta, più veloce di quanto sia stato io a pubblicare la sua richiesta, ma impegni lavorativi mi hanno distratto dalla gestione di questo spazio virtuale, e me ne scuso.
      Cordialmente

      1. Gianni Says:

        Grazie, per la cordiale collaborazione, sono venuto a capo di in un piccolo enigma, il cal 16 a retro carica e’ un sabatti prodotto negli anni 50 ma hanno sostituito le canne con quelle in dotazione all’armeria unita magno ” una sorta di cooperativa” non più esistente e sono della krups. Per l’avancarica di certo e’ degli anni 10 del novecento, quasi certo di fattura artigianale campana. Mi corregga, se ha informazioni non attinenti a ciò, buona sera.

  132. francesco Says:

    Salve , premetto di ignorare la materia ma vorrei chiedere se qualcuno di voi conosce una marca di fucile LARKS TURC o LARES TURC

    1. Luciano Says:

      Salve,
      forse Damas turk?

  133. mauro Says:

    Ciao, sono venuto in possesso di una doppietta a cani esterni F.lli Marchi del 1952 l’ho fatta ripulire ed è in buone condizioni mi sai dare delle informazioni su besto fucile e quant’è il valore di quest’arma. Ciao.

    1. Luciano Says:

      Salve,
      in merito alla quotazione di un’arma ho ripetuto molte volte come la penso, quindi non me ne vogliate se pur pubblicando il vs post evito di rispondere.
      Se poi qualcuno fra i lettori vuol dire la sua in questo spazio, padronissimo di farlo, purchè se ne assuma la piena paternità.
      Cordialmente

  134. Paolo Says:

    Salve, non riesco a trovare il mirino e la tacca di mira per una carabina Ruger 44 Magnum, sapete indicarmi un rivenditore ??

    Grazie – Paolo

  135. Paolo Says:

    Gentilissimo Luciano il mio armiere mi ha su mia richiesta proposto come fucili da “battaglia” un semiautomatico baikal mp153 o un hatsan escort sono indeciso tra i due e avrei bisogno di un consiglio da un esperto di armi.
    grazie in anticipo
    Paolo

    1. Luciano Says:

      Salve, onestamente non saprei dirle, se dovessi basarmi esclusivamente sulla robustezza non esiterei rispetto a quello di produzione sovietica, ma non ho un dato personale certo su cui basarmi. Se qualcune vuole risponderle in merito questo spazio resta a completa disposizione.
      Cordialmente

  136. Stefano Says:

    Salve, possiedo una doppietta belga cani esterni calibro 12 canna lunga 76cm. Sulla canna c’è scritto NON POUR BALLE mi piacerebbe saperne di più di questo fucile l’anno di costruzione e un eventuale link dove poter approfondire la conoscenza.
    Ringrazio anticipatamente Stefano.

    1. Luciano Says:

      Salve,
      avendo qualche foto si può pensare di esplicitare qlualche ipotesi, altrimenti si può solo dire che si tratta di un arma molto strozzata per cacciare le anatre!
      Cordialmente

  137. luigi Says:

    ho un fucile monocanna beretta cal 12 e ti volevo chiedere , dopo aver sparato come si estrae la cartuccia esplosa in quanto dopo averlo aperto per cambiarla , quella esplosa non si estrae grazie

  138. edoardo Says:

    salve a tutti . possiedo una doppietta artigianale funzionante e in discreto stato . mi è stato detto che risale attorno al 1837 e a questo proposito vorrei sapere qualche spiegazione in piu gentilmente.. forse si parla di un arma francese..grazie mille in anticipo . cordiali saluti

  139. Giovanni Spiezia Says:

    buonasera possiedo una doppietta cal 12 del 1946 con batteria H – H con avvisatore di carica estrattori automatici e incisioni floreali e sulle canne c’è scitto laboratorio specializato armi di lusso del costuttore P. AGOGERI & C. di Gardone V.T.
    dopo varie ricerche non trovo nessuna notizia del costruttore
    le sarei grato se mi sa dire
    grazie anticipatamente

  140. nuccio Says:

    ciao a tutti
    sono venuto in possesso di una fantastica ruger 44 mag deerstolker come nuova ,dopo varie prove e varie tipologie di cartuccie si inceppa ogni ricarica
    ho scoperto da poco smontandola per pulirla una vite a brugola nel tappo
    del recupero di gas ,come si regola? per cariche da 300grs o per220 grs?
    ho comprato le hornady fxt225 fantastica….come dovrei regolare

    forza paris
    nuccio

  141. luca66 Says:

    salve, vorei sapere se possibile, la marca, il valore (se ne ha) e un pò di storia, di una doppietta con cani esterni dove sulle canne c’è scritto solo “poudres” e su l’altra “vivas”, grazie infinite

    1. Luciano Says:

      Dovrebbe leggere con maggiore attenzione quanto reiteratamente scritto in merito alle valutazioni.
      Saluti

  142. Antonio Giuseppe Martucci Says:

    Ho ereditato una doppietta DAMAS BERNARD FIN, cani esterni. Vorrei sapere, se è possibile, quando e dove è stata fabbricata e quanto vale.

    1. Luciano Says:

      Salve,
      legga quanto più volte scritto in merito a quotazioni e datazioni.
      Cordialmente-

  143. giammorello Says:

    buongiorno possiedo un fucile doppietta del 1807 RAICEC FRERES LIEGE MAISON ACIER KRUPP, volevo sapere il suo valore ufficiale. Grazie

  144. enzo Says:

    ho un fucile vecchio con una scritta tra le due canne(canons a damas). TRa le due canne ma nella parte opposta c’è il numero di matricola 24863. Accanto a questo numero sopra ad una canna c’è il numero 32.
    E’ a bacchetta con le canne a torciglione ed un bellissimo lavoro con la testa di cervo ed un rosone sul calcio. Che marca sarà?

  145. diego pratico' Says:

    buongiorno luciano ,ho ereditato un fucile bernardelli doppietta cani esterni cal. 12,pero non so che fucile e’,mi dicono roma 6 ,quardando le foto su internet ho visto che potrebbe essere bernardelli italia se ti mando le foto alla tua e-mail mi potresti aiutare? grazie per il tempo a me dedicato ciao

    1. Luciano Says:

      le ho risposto via mail.

  146. fausto Says:

    Ciao ,sono Fausto e sono in possesso di una doppietta bernardelli batterie holland & holland, con estrattori automatici, incisa a ricci e bouquet di fiori e animali in rilievo ,canne rosso melanzana, grilletti zebrati e chiave traforata. la doppietta e degli anni 1948 riportante matricola 2 ed il tutto in eccellenti condizioni.Sarei lieto di ricevere una presunta valutazione e come possa riportare una matricola come questa?
    Ti ringrazio cordiali saluti ..

  147. écrevisse Says:

    I came across this site on http://lucianomastrascusa.wordpress.
    com/bang/ and if I may I’d like to point out to you some helpful things or ideas. Maybe you could write your next articles referring to these ideas. I would like to read more stuff related to what you’re talking
    about.

  148. Salvatrore Says:

    ciao sono salvatore ho ereditato da mio nonno che fu di suo nonno un fucile doppietta a cani esterni cal.12, dovrebbe avere più o meno 130 anni ed è identico se non x qualhe dettaglio di decoro a quello nella foto posizionato sul panno blu, cambia solo la scritta sulla bindella poichè sulla mia c’è scritta “damas turc” in dorato, mi sapresti dare delle indicazioni a riguardo poichè su internet non trovo nulla! Ti ringrazio in anticipo saluti da Salvatore

  149. Sergio Says:

    Salve ho appena acquistato un Renato Gamba sovrapposto da TRAP calibro 12 ma a parte un tagliando della garanzia mai spedito che dice il nome dell’acquirente la matricola l’anno ed il mese di acquisto, non specifica altro, il mio dubbio mi sorge sul reale modello, dato che l’armaiolo che me lo ha venduto, sostiene che l’acquirente lo acquistò per il tiro al piccione e che alla bisogna aveva fatto applicare le manigliette per la cinghia , poi venuto meno la famiglia dopo un lungo periodo lo ha ceduto a lui, che lo detiene in negozio da svariato tempo. Sulla garanzia c’e data di acquisto 6/10/1990 modello Daytona TRAP matricola 22460 . Si potrebbe capire se magari anche la calciatura fosse stata modificata o no? Vorrei sparare alla fossa . Grazie Sergio

  150. Calico Says:

    Ti segnalo un appassionato oplologo di Palmi, tale mimmo o mimmosub o mimmo007; persona schietta, gentile e appassionato sperimentatore. Lo trovi su italianshooters o un altro forum di caccia; è uno che non si perde d’animo a rifarsi un pezzo se una delle sue armi incappa in una rottura. Appassionato di avancarica, ha trovato il modo di riprodurre polvere nera di potenza simile a quella dell’epoca, ben diversa dai prodotti commerciali. Complimenti per il sito!

    1. Luciano Says:

      Grazie per la segnalazione, seppure parziale.

  151. Giovanni Says:

    salve, possibile avere indicazione circa il valore e la commerciabilità (se ha davvero mercato) di poudres due canne calibro 16? Dovrebbe avere almeno un centinaio d’anni.

    Grazie

    1. Luciano Says:

      Salve,

      ho ripetuto più volte le mie idee in merito alla quotazioned di un’arma;
      innanzitutto servono delle immagini!

  152. fiorentino antonio Says:

    Infrmazioni su pistola marca st. etienne,a due canne rigate,a cani esterni,grilletti retrattibili,senza calibro ne’ matricola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 27 follower